In Romania, di nuovo lo sterminio dei randagi

Fonte notizia

Argomento: Randagismo

In votazione al Parlamento una legge per permettere ai Comuni di uccidere i cani.

04/03/2011

Riportiamo questo comunicato stampa dell'associazione "Save the dogs", che da molti anni lavora per salvare i cani randagi in Romania.

SINDACI LIBERI DI UCCIDERE I RANDAGI
TORNA LEGALE LO STERMINIO DEI CANI IN ROMANIA

Martedì 8 marzo il Parlamento Romeno deciderà se approvare un provvedimento che cancella con un colpo di spugna la Legge 9/2008 e dà la possibilità ai sindaci di massacrare legalmente centinaia di migliaia di cani randagi. Se la legge venisse approvata - e le chance sono altissime poiché la proposta è sostenuta non solo dal partito di maggioranza del Presidente Basescu (PDL) ma anche da molti esponenti dell'opposizione - sarebbero condannati a morte i 2 milioni di randagi che vagano sul territorio romeno.

Di fronte alle pressioni dell'opinione pubblica - già provata da una crisi economica drammatica e dal recente scandalo delle dogane - il Parlamento sembra aver voltato le spalle ad una legge che venne votata dai deputati romeni quasi all'unanimità 3 anni fa. Oltre a consentire ai sindaci di eliminare i randagi, la legge presenta altri aspetti che il mondo dell'associazionismo e della società civile considera anticostituzionali. Tra questi, il divieto per le onlus di entrare nei canili pubblici per verificarne la gestione e le pesanti limitazioni all'adozione dei cani presenti nelle strutture.

Tra le grandi sostenitrici della proposta vi è Elena Udrea, Ministro dello Sviluppo e del Turismo molto vicina al Presidente, che ha accusato le associazioni animaliste di non avere interesse a risolvere il problema del randagismo endemico e di ostacolare le autorità. "Il Ministro Udrea sostiene di voler importare il modello degli USA - dichiara la Presidente di Save the Dogs Sara Turetta - dove i cani abbandonati vengono soppressi dopo due settimane, ma dimentica le differenze sostanziali tra la situazione americana e quella rumena. L'OMS - continua Turetta - ha sottolineato più volte che il randagismo endemico non si risolve con la rimozione dei cani dal territorio ma solo con piani di sterilizzazione e vaccinazione di massa e tramite l'identificazione degli animali di proprietà. Provvedimenti mai attuati dalle autorità rumene. Lo slogan del Ministro Udrea 'Enter The Carpatian Garden' - conclude Turetta - diventerà presto un invito paradossale per i turisti a passeggiare tra migliaia di cadaveri di cani randagi".

Le associazioni animaliste manifesteranno davanti alla Casa del Popolo di Bucarest lunedì 7 marzo pomeriggio, nel corso della seduta plenaria del Parlamento, a partire dalle ore 15.00.

Contatti stampa:
comunicazione@savethedogs.it

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Dettagli sulla mailing list

Segui le nostre attività: