Stop alla sofferenza nei circhi

elefante

Una campagna di Animal Defenders International e sostenuta in Italia da AgireOra Network, basata sulla testimonianza di un ex-lavoratore del circo, Tom Rider, che dopo aver assistito per anni a ogni sorta di abuso sugli animali all'interno dei circhi itineranti, ha finalmente denunciato quanto ha visto.

La campagna lancia due appelli:

un appello ai lavoratori del circo che non picchiano gli animali, affinché denuncino quello che vedono. Dalle parole di Tom Rider: "Quando vedi che cosa accade a questi animali, questa cosa inizia a distruggerti dentro. Chiedo a tutti i lavoratori dei circhi di smettere di guardare dall'altra parte quando vedono delle crudeltà e di prendere posizione per difendere gli animali. So che è difficile denunciare un maltrattamento quando vedi i tuoi colleghi di lavoro farlo, ma gli animali non hanno voce, è necessario che qualcuno li difenda. Per favore, trova il coraggio di denunciare le crudeltà, contattaci, anche anonimamente se vuoi, per porre fine alla sofferenza".

Un appello al pubblico: non visitare circhi con animali! Solo se nessuno sosterrà economicamente queste realtà, sarà possibile trasformare tutti i circhi in qualcosa di davvero bello, che mette in mostra la bravura degli artisti e non la sofferenza degli animali!

Qui sotto sono disponibili 2 video: un documentario di 4 minuti con la testimonianza di Tom Rider, e la conferenza stampa di lancio della campagna, con presenti Tom Rider un rappresentante di Animal Defenders International.

 

Perché partecipare

Ormai i tempi sono maturi per una sempre più diffusa eliminazione degli animali dai circhi, leggi in questo senso sono state recentemente emanate in Bolivia, in Portogallo, e sono in discussione in altri paesi (Regno Unito, Norvegia, Perù, Colombia, Brasile). Bisogna dunque insistere ad informare il pubblico che va al circo, soprattutto attraverso i video e i volantini.

Cosa puoi fare tu

Organizza presidi di informazione quando arriva un circo in città. Prepara striscioni e cartelli, porta con te un computer portatile in cui mostrare il video "Stop alla sofferenza nei circhi".
Puoi scaricare scaricare il video in alta risoluzione.
Leggi le istruzioni su come organizzare un presidio contro il circo (troverai anche dei bellissimi cartelloni da scaricare!).

Affiggi le locandine: richiedi le locandine della campagna "Nato libero - prigioniero a vita in un circo" e chiedi ai negozianti di affiggerle all'interno dei negozi. Attenzione: NON fare affissioni abusive, sono i circensi quelli che affiggono locandine e manifesti in modo abusivo, non gli animalisti.
Richiedi la locandina dal catalogo di AgireOra Edizioni

Diffondi il video on line: invita amici e conoscenti a guardare il video Stop alla sofferenza degli animali nei circhi e condividilo su Facebook.

Scrivi ai giornali e altri media testimoniando il tuo NO ai circhi con sfruttamento di animali, invitandoli a divulgare questo video.

Ostacola il circo in vari modi come spiegato alla pagina Proteste e materiali

A Natale vuoi fare un regalo a 1400 animali?

Salva loro la vita.

Scopri come!

Iscriviti alla Mailing list

Dettagli sulla mailing list

Segui le nostre attività: