icon-facebook icon-twitter icon-googleplus
Logo
CHI SIAMO    COME AIUTARCI
image_480x260

 

No al riconoscimento 'culturale' alla corsa maltratta-buoi di Chieuti

2 maggio 2018

Il Comune ha chiesto il riconoscimento e la tutela di questa "meravigliosa" corsa maltratta-buoi in quanto 'Espressione di identità culturale collettiva'. Scriviamo alla Soprintendenza dei Beni Culturali per invitarli a rigettare questa vergognosa richiesta!

Iniziativa valida fino al: 31 maggio 2019

Invia la mail di protesta!

Ricorda di aggiungere il tuo nome e cognome in fondo alla mail.

Usa il link qui di seguito se il tuo programma di posta non accetta la virgola come separatore degli indirizzi e-mail (es. Outlook)

Invia la protesta - separatore ';' arrow1
space
megaphone
Dettagli: No al riconoscimento 'culturale' alla corsa maltratta-buoi di Chieuti

Come sapete, nonostante le proteste, cui avete partecipato in massa (grazie!), la corsa dei buoi del 22 aprile si è tenuta lo stesso e le normative di sicurezza e tutela degli animali sono state applicate solo parzialmente.

Mal gliene incolse, così a causa di un incidente il 22 aprile è morto uno spettatore, travolto da un cavallo che aveva disarcionato il fantino; è la seconda vittima di quella corsa; la prima era stata un bue durante le "prove".

Qui potete trovare il resoconto dell'accaduto:
Travolto da un cavallo, schiacciato dai buoi: tragedia alla Carrese, muore un molisano
78enne morto alla Carrese, Difesa animali: "Percorso pericoloso"

Naturalmente adesso il prefetto non dormirà sonni molto tranquilli, visto che ha permesso una manifestazione invece vietata dal suo collega di Campobasso a San Martino in Pensilis (ma ne riparleremo in un'altra protesta...).

Intanto si è scoperto che il Comune ha chiesto il riconoscimento e la tutela di questa "meravigliosa" corsa maltratta-buoi in quanto "Espressione di identità culturale collettiva".

Le associazioni animaliste stanno chiedendo alla Soprintendenza di non permettere che i "maltrattamenti culturali" siano meritevoli di tutela. E' necessario che arrivino molte mail di sostegno alle loro richieste.

Pertanto potete inviare questo messaggio per cercare di bloccare il procedimento.

Partecipa a questa protesta, basta un minuto, grazie!

Invia la mail di protesta! arrow1

Ricorda di aggiungere il tuo nome e cognome in fondo alla mail.

Usa il link qui di seguito se il tuo programma di posta non accetta la virgola come separatore degli indirizzi e-mail (es. Outlook)

Invia la protesta - separatore ';' arrow1
space
Non funziona? Usa l'invio manuale.

Se l'invio del mail tramite il pulsante non ha funzionato, usa l'invio manuale, è semplicissimo:

1) Apri un nuovo messaggio con il programma di posta elettronica che usi abitualmente

2) Copia e incolla il gruppo di mail dei destinatari della protesta sottostante, scegliendo la versione separata da virgola o da punto e virgola, a seconda di cosa richiede il tuo programma di posta

3) Copia e incolla il testo del messaggio-tipo sottostante (altre proteste richiedono di scrivere un messaggio personalizzato, ma non questa), ricordando di firmare in calce con nome e cognome e invia.

Destinatari, con "," come separatore
sabap-fg@beniculturali.it
Destinatari, con ";" come separatore
sabap-fg@beniculturali.it
Messaggio-tipo da inviare, ricordando sempre di firmare in calce col proprio nome e cognome:

Gent.ma dott.ssa Bonomi, Egregio dott. Falchi,

sul sito del Comune di Chieuti è stata pubblicata la Vs lettera di avvio del procedimento per riconoscere e tutelare la corsa dei buoi di Chieuti quale 'Espressione di identità culturale collettiva'.
In detta corsa, come ripetutamente dimostrato in passato, viene pregiudicato il benessere dei buoi coinvolti, che vengono maltrattati con pungoli acuminati al fine di farli correre, oltre a essere sottoposti a comportamenti e situazioni non compatibili con la loro natura.
Aderisco quindi alla richiesta delle associazioni animaliste affinché non venga riconosciuta alcuna tutela a una manifestazione oggetto in passato di ripetute denunce penali, in parte non concluse, e che nella recente edizione ha comportato anche la morte di uno spettatore, in spregio alle più elementari norme di sicurezza.

Con i migliori saluti.

Logo
CHI SIAMO  |  COME AIUTARCI