Chi mangi di baci... e chi mangi e basta?

08/06/2020

Quando vediamo un animaletto che ci fa tenerezza diciamo che lo vorremmo "mangiare di baci". E sono tanti gli italiani che mangerebbero di baci i loro cani e gatti: il 67% di noi vive con uno o più animali domestici.

Ma se invece che di cani e gatti parliamo di tutti gli altri animali... allora nessuno li mangia di baci, ma (quasi) tutti mangiano il loro corpo fatto a pezzi. Non c'è logica in tutto questo, perché è palese che gli animali allevati e macellati non sono diversi da quelli d'affezione. Sono affettuosi anche loro, quando hanno la possibilità di esprimere i loro sentimenti; provano emozioni allo stesso modo.

Diciamolo con un manifesto

Abbiamo realizzato una serie di manifesti per aiutare tutti a "fare il collegamento", a capire che la differenza fra questi animali è solo nei nostri occhi e nella nostra testa, non è reale.

Mostriamo gli animali "da amare" e quelli "da mangiare" vicini e spieghiamo che "La differenza la fai tu". Fai la differenza in negativo, quando uno lo mangi di baci e l'altro lo mangi arrosto. Ma sei in grado di fare la differenza in positivo se smetti di mangiarli e salvi loro la vita.

Il primo manifesto che abbiamo ideato ritrae un gattino e un giovane pollo accovacciato: entrambi fanno tenerezza e speriamo davvero di far provare questo sentimento a tutti quelli che lo guarderanno! È stato il primo che ci è venuto in mente perché i polli - maschi e femmine - sono gli animali più sterminati. E lo sono sempre di più, è in aumento il numero di polli allevati e uccisi ogni anno.

Il secondo manifesto mette invece a confronto un maialino con un cagnolino. Se immaginiamo di mangiare un panino con dentro carne di cane a fette, proviamo orrore. Ma dobbiamo far comprendere che non cambia nulla se a essere ucciso è un maiale: è orrendo allo stesso modo.

Nel terzo manifesto abbiamo scelto il vitello come protagonista, assieme al cane: i vitelli sono "sottoprodotti" del latte, macellati a pochi mesi di vita. Oppure vengono lasciati vivere un po' di più, diventando "vitelloni", uccisi per la carne.

Il quarto e ultimo manifesto mette a confronto un coniglio nano, ormai da anni considerato "pet" anche in Italia, e un coniglio "da carne". Qui, più che in tutti gli altri casi, salta agli occhi l'assurdità di considerare alcuni animali come "d'affezione" e altri, uguali identici, "da macello".

Il consumo di carne di coniglio è in forte diminuzione, certo (-33% in 10 anni), ma nonostante ciò il numero di conigli uccisi rimane ancora altissimo: oltre 16 milioni di animali, la stessa quantità di tutti i bovini, ovini e maiali messi assieme.

Vuoi partecipare alla diffusione?

Stamperemo i manifesti in diversi formati: 70x100 cm, 100x140, 140x200. Ne faremo anche una versione orizzontale, da 300x140 cm e 6x3 metri.

Se pensi che questa campagna sia efficace, aiutaci a diffonderla! Puoi farlo in 2 modi:

  1. Dacci una mano a raccogliere fondi per stampare i manifesti: c'è una raccolta fondi attiva, partecipa con una donazione!

  2. Prenota un'affissione nel tuo Comune: per una diffusione capillare è importantissimo che tante persone prendano l'impegno di organizzare e finanziare un'affissione nel proprio Comune. I manifesti li avrai gratuitamente. Puoi scegliere un singolo manifesto, o tutta la varietà, come preferisci. Va benissimo far affiggere un mix dei 4 messaggi!

Come organizzare un'affissione

Organizzare un'affissione è alla portata di ogni singola persona. Fai così:

  • informati presso il tuo Comune sui costi; ricordati di dire che è una campagna non-profit, così spenderai la metà rispetto a quelle commerciali.

  • Decidi quanto vuoi investire, cercando magari altre persone con cui dividere la spesa.

  • Se non hai un'associazione locale a cui appoggiarti, si può fare l'affissione a nome dell'associazione AgireOra Edizioni.

  • I manifesti li possiamo poi spedire direttamente noi all'ufficio affissioni, oppure li spediamo direttamente te. Abbiamo solo bisogno di una donazione di 10 euro per coprire almeno le spese di spedizione. Se puoi donare di più, ancora meglio: per noi è molto difficile coprire le spese di stampa per tutte le affissioni (le donazioni non sono mai sufficienti a coprirle tutte).

Prima di fissare la data, però, scrivici per prenotare i manifesti, perché non sono ancora pronti e non lo saranno prima di luglio. Indicaci quali soggetti e in che dimensioni.

Non solo manifesti: anche divulgazione online

I 4 manifesti sono disponibili anche in un formato diverso, studiato per la divulgazione on-line: scaricali e diffondili a tutti i tuoi contatti, in privato e sui social network, su Whatsapp, Telegram e qualsiasi altra applicazione di messaggistica.

La diffusione on-line è una cosa da fare in più, non un'alternativa ai manifesti: l'affissione raggiunge più persone ed è più efficace.

Quando condividi on-line, non diffondere le campagne tutte assieme, inviane una la settimana, per un mese: così funzioneranno meglio!

Scaricali qui:

Ed ecco gli altri 3 manifesti

Vai alla raccolta fondi »

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

40%

Spese per l'indispensabile infrastruttura informatica | Dettagli »

Obiettivo: 365 giorni di autonomia (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi