Class-action contro la caccia

Condividi:

25/09/2011

Si richiede il risarcimento alle Regioni per i proprietari di terreni costretti a subire la presenza dei cacciatori.

Divulghiamo questo comunicato della Lega Abolizione Caccia del 16 settembre.

LE REGIONI IN DEBITO DI CENTINAIA DI MILIONI DI EURO CON I PROPRIETARI E CONDUTTORI DEI FONDI OVE SI SVOLGE L'ATTIVITA' VENATORIA – LA LAC PROMUOVE UNA CLASS ACTION A DIFESA DEI PROPRIETARI DEI TERRENI DOVE SI CACCIA

I proprietari di terreni lombardi ove si svolge la caccia vantano un credito nei confronti della Regione Lombardia di 89.390.000 euro solo per il 2011.

La Regione Lombardia (insieme a tutte le altre), infatti, non ha mai dato attuazione all'art. 15 della legge nazionale n.157 del 1992 sulla disciplina della caccia secondo cui è "dovuto ai proprietari o conduttori un contributo da determinarsi a cura della amministrazione regionale in relazione alla estensione, alle condizioni agronomiche, alle misure dirette alla tutela e alla valorizzazione dell'ambiente"; una spesa a cui si deve far fronte con la tassa di concessione venatoria regionale.

La legge dello Stato prevede che se si vuole cacciare sui terreni altrui, che sono gravati da una "servitù venatoria", deve essere corrisposta dalle Regioni una indennità a tutti i proprietari.

Se si considera un indennità medio-bassa di 70 euro all'anno per ettaro (pari a 0,007 euro al mq, una cifra irrisoria), moltiplicati per gli ettari ove si svolge la caccia (1.277.000), si scopre che la Regione Lombardia avrebbe dovuto pagare ai proprietari dei terreni – per l'anno 2011 – ben 89.390.000 euro.

Se si considera ancora che nulla è stato pagato, gli arretrati di 10 anni ammontano a oltre 890 milioni di euro, oltre interessi, solo per la Lombardia.

Il che significa che i cacciatori, se intendono continuare ad andare a caccia, dovranno sborsare a loro volta le somme dovute ai proprietari, pagando alle regioni salatissime tasse di concessione e non l'importo assolutamente irrisorio di circa 64 euro all'anno!

La Lega per l'Abolizione Caccia ha iniziato a raccogliere le adesioni dei proprietari e dei conduttori dei fondi (compresi nell'80% del territorio agro-silvo-pastorale) ove si svolge la caccia, per una class-action civile nell'interesse di proprietari e conduttori di terreni contro tutte le Regioni per ottenere il pagamento del "canone venatorio" per il 2011 e per 10 anni arretrati.

La Lombardia dovrebbe essere la prima realtà territoriale ove sperimentare la nuova class-action, attraverso uno studio legale di fiducia della Lega Abolizione Caccia, incaricato di patrocinare in un fronte comune tutti i proprietari ed i conduttori dei fondi rurali ove si svolge la caccia, che dovrebbero reclamare il canone 2011 non corrisposto, gli anni arretrati e relativi interessi.

In sostanza i cacciatori italiani, dal 1992, vanno a caccia gratis su 18 milioni di ettari di terreni rurali altrui, quando invece le Regioni avrebbero dovuto pagare milioni di euro ogni anno ai proprietari dei terreni, tassando i cacciatori.

La Lega Abolizione Caccia chiede la immediata sospensione di ogni attività venatoria fintanto che non saranno corrisposte a proprietari e conduttori dei fondi agro-silvo-pastorali le somme dovute per legge (dell'ordine di centinaia di milioni di euro).

Fonte:
LAC, LA LAC PROMUOVE UNA CLASS ACTION A DIFESA DEI PROPRIETARI DEI TERRENI DOVE SI CACCIA, 16 settembre 2011

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

32%

Spese per l'indispensabile infrastruttura informatica | Dettagli »

Obiettivo: 365 giorni di autonomia (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi