Nuove linee guida per la didattica su animali in India

Condividi:

11/10/2011

18 milioni di animali l'anno salvati dai laboratori di vivisezione.

INDIA: 18 MILIONI DI ANIMALI L'ANNO SALVATI
DALLA VIVISEZIONE A SCOPO DIDATTICO
GRAZIE ALLE NUOVE LINEE GUIDA IN VIGORE
DALL'ANNO ACCADEMICO 2011-2012

18 milioni: è questo il numero di animali stimato dal governo indiano che, a partire da quest'anno accademico, verranno salvati dalle sperimentazioni didattiche nelle Università e nelle Scuole Superiori indiane a seguito di una nuova direttiva ottenuta tramite il Mahatma Gandhi Center - Doerenkamp-Zbinden Foundation.

"Le dissezioni di animali sono state introdotte nel 1920 per aiutare nello studio dell'anatomia, della fisiologia e dell'evoluzione, quando ancora c'erano poche esercitazioni nei laboratori di Zoologia. Così la dissezione di animali, come ambito del curriculum di Zoologia, è vecchia di circa 90 anni".

Inizia così il preambolo dell'University Grants Commission, New Delhi, nella sua nuova normativa "Linee guida per dismettere progressivamente la pratica della dissezione e della sperimentazione animale in zoologia e biologia" ("Guidelines for discontinuation of dissection and animal experimentation in Zoology/ Life Sciences in a phased manner"). Questa normativa ha portato a bloccare la quasi totalità delle sperimentazioni didattiche nelle Università e nelle Scuole Superiori del Sub Continente Indiano.

Ma il progetto contro la didattica universitaria che, oltre a uccidere e sezionare un enorme numero di animali, serve anche per "addestrare" gli studenti, futuri ricercatori, a considerare gli animali degli oggetti viventi (nelle pubblicazioni e nei libri di testo, infatti, gli animali rientrano nella voce "materiali") nasce parecchi anni fa.

Il progetto nasce in parallelo negli Stati Uniti (dove già il 70% delle Medical School non utilizza più animali nella didattica) e in Europa, principalmente in Svizzera e in Italia. I progetti in Europa sono stati creati e coordinati dal Dr. Massimo Tettamanti.

Anche a seguito dei primi successi ottenuti in Italia, dove attualmente circa il 70% delle facoltà scientifiche non utilizza più animali a scopo didattico, viene creato nel 2006 il centro I-CARE, International Center for Alternative in Research and Education (Centro Internazonale per le Alternativa nella Ricerca e nella Didattica) - www.icare-worldwide.org

Nel corso di questi anni, questi sono alcuni dei risultati ottenuti grazie al lavoro di I-CARE:

- Vengono chiusi/bloccati esperimenti con animali ed effettuate sostituzioni con metodi senza uso di animali in Italia, Europa dell'Est, Asia e Africa. Particolarmente importante l'esito delle sperimentazioni bloccate in Corea del Sud, che ha visto un effetto domino con numerose facoltà che hanno iniziato ad utilizzare metodi scientifici sostitutivi.

- Vengono riabilitati ad oggi 7569 animali salvati dalla morte in laboratorio.

- Vengono organizzati convegni nazionali e internazionali, seminari e corsi teorico-pratici sui metodi di ricerca senza animali. In Italia i corsi sono organizzati in collaborazione con il Laboratorio di Analisi e Ricerca di Fisiopatologia (LARF), Università di Genova.

Nel 2009 viene creato all'interno del Governo Indiano il Mahatma Gandhi Center - Doerenkamp- Zbinden Foundation. I fondatori e coordinatori di I-CARE, Dr.ssa Shiranee Pereira e Dr. Massimo Tettamanti, ne sono Advisor (consulenti).

Il Mahatma Gandhi Center svolge varie e numerose attività che raggiungono il riconoscimento internazionale soprattutto al recente Congresso Mondiale sui Metodi Alternativi (Eighth World Congress on Alternatives in Life Sciences) svoltosi a Montreal, Canada, dal 21 al 25 agosto 2011. Al Congresso sono stati presentati 4 progetti sui metodi scientifici sostitutivi in vari campi della sperimentazione e lo studio intitolato: "Outcome of the effort of MGDC to drop/reduce dissections in the life science curriculum" (Risultati del lavoro del Mahatma Gandhi Center per evitare/diminuire la pratica della dissezione nello studio delle scienze biologiche), è stato giudicato il migliore al mondo per la sessione "Alternatives in Education" (Alternative nella Didattica).

Dichiara il Dr. Massimo Tettamanti: "A seguito dei risultati ottenuti in Europa e Asia, in questo momento I-CARE è impegnato soprattutto a creare progetti contro la vivisezione in Africa e siamo in cerca di uno sponsor per ottenere, anche nel continente africano, i successi ottenuti nel subcontinente Indiano e in Italia."

I-CARE chiede l'aiuto anche delle singole persone che si schierano contro la sperimentazione animale, su basi etiche e scientifiche. Tutti possono dare un aiuto in questo momento storico nella lotta alla vivisezione, per sostenere le attività di I-CARE, anche con una piccola donazione. Le donazioni sono molto importanti per portare avanti le attività dell'associazione.

Si può donare tramite bonifico sul seguente conto bancario, intestato ad "I-CARE Europe":
IBAN: IT33 R052 1651 0100 0000 0002 493
oppure andando sul sito www.icare-italia.org

Grazie a tutti.

Lo staff di I-CARE

Fonte:
I-CARE Italia, Nuove linee guida per la didattica su animali in India, 10 ottobre 2011

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

48%

Doppiaggio in italiano di film stranieri | Dettagli »

Obiettivo: Doppiaggio di un film lungo o 2 video più brevi (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi

"Papà, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi