Stop alla sperimentazione sui furetti

Condividi:

22/10/2011

Manifestazioni e vittorie del PCRM sull'uso di animali nella didattica.

Il PCRM (il Comitato di Medici per una Medicina Responsabile, attivo da decenni negli USA) segnala nella sua newsletter una manifestazione contro l'uso di furetti vivi nella sperimentazione didattica - precisamente nel training dei pediatri - presso l'Università di Washington e una vittoria nello stesso campo ottenuta invece presso il Carolinas Medical Center a Charlotte, in North Carolina.

Il 6 ottobre alcuni medici del PCRM e altri attivisti hanno tenuto una manifestazione davanti all'Università di Washington, per protestare contro l'utilizzo di furetti vivi nel training per l'intubazione endotracheale. Questa pratica consiste nell'infilare dei tubi di plastica nella gola dei furetti, causando loro escoriazioni, ferite, sofferenza estrema e a volte la morte. L'università continua a usare questo metodo inumano nonostante esistano metodi alternativi convalidati: si tratta di sofisticati manichini che simulano un neonato, sui quali i pediatri possono impratichirsi nella procedura di intubazione endotracheale in modo efficace, senza fare del male a nessuno.

Il cardiologo, dott. John Pippin ha dichiarato, durante la manifestazione: "Ormai quasi più nessuno usa animali per questo training. Questa è l'unica università negli Stati Uniti occidentali che continua a farlo, e nell'intera nazione solo il 6% dei programma pediatrici prevedono ancora l'uso di animali".

Alla manifestazione alcuni attivisti hanno portato anche il proprio furetto domestico, tenuto al guinzaglio. Michael Fitzpatrick, un attivista che si occupa di un rifugio per furetti ha dichiarato: "I furetti dimostrano una spiccata personalità e carattere. Ho visto alcuni di loro soffrire per la morte di un amico. Chiunque dimostri sofferenza di fronte alla morte di un altro individuo dimostra di essere senziente e dotato di personalità". E aggiunge: "La scienza e la tecnologia ormai sono avanzate a tal punto che i simulatori possono funzionare meglio, o almeno altrettanto bene, senza far soffrire animali".

Mentre continuano le pressioni sull'Università di Washington, altre università stanno invece cambiando le loro procedure. Il PCRM ha da poco ricevuto la conferma che il suo lavoro per eliminare l'uso dei furetti nel training dei pediatri presso il Carolinas Medical Center ha avuto successo!

Da settembre 2010 il PCRM ha iniziato a fare pressioni su questa università al fine di eliminare l'uso dei furetti nelle procedure di intubazione endotracheale. Hanno dovuto anche combattere contro gli avvocati dell'università per poter accedere ai dati sull'utilizzo di animali. La loro perseveranza è stata premiata, perché all'inizio di ottobre 2011 il Carolinas Medical Center ha informato il PCRM di aver smesso di usare animali!

Speriamo dunque che questa campagna porti in breve a far cambiare atteggiamento anche al rimanente 6% di università che ancora usano animali per questo genere di training.

Fonti:

Newsletter PCRM, 21 ottobre 2011

KomoNews, Doctors, advocates protest UW Med's use of ferrets in training, 6 ottobre 2011

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

44%

Materiali per i bambini: il futuro sono loro. | Dettagli »

Obiettivo: Stampare materiali per bambini per un anno (1800 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi

"Papà, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi