Informazione vegan in universita' a Genova e Torino

Condividi:

09/03/2013

Con l'iniziativa Adotta un'universita', 700 volantini distribuiti agli studenti.

Riportiamo le testimonianze di Luigi e di Oriana che hanno "adottato" rispettivamente le università di Genova e di Torino. Traeta ispirazione e partecipare anche voi, i materiali sono gratuiti!

Testimonianza di Luigi - Genova

Mercoledi 6 marzo sono andato nel bel palazzo dell'Università degli studi di Genova, per prendere in adozione la mia università!

Pioveva, e mi sono sistemato al riparo dalla pioggia, vicino alle macchinette del caffè e ad alcune aule. Ho preso un caffè e poi ho iniziato subito a distribuire i pieghevoli "Perché Vegan". Ero molto convinto di quello che stavo facendo, molto sereno e soddisfatto di dare nel mio piccolo un po' di voce ai nostri amici indifesi. Sono vegetariano da 15 anni, da 3 vegano.

Ho distribuito 200 pieghevoli in un'ora circa; quasi tutti i passanti (compresi alcuni professori) hanno accettato il mio invito prendendo il volantino e tanti di loro mi hanno ringraziato; da parte mia, andavo incontro ai giovani mostrando in bella vista le foto e la scritta "perché vegan" del pieghevole e dicendo ad ognuno di loro: "prego", senza dimenticare di offrire anche un sorriso sereno di buon auspicio.

Una ragazza si è fermata a parlarmi della sua scelta vegetariana per motivi di salute: era molto contenta dei risultati, è andata via ringraziandomi col volantino. Altre persone hanno preso con entusiasmo il pieghevole perché sensibilizzati dal fatto di avere cani e/o gatti in casa. In tanti mi hanno ringraziato tenendo il pieghevole; le persone (poche) che non hanno voluto ritirarlo, che hanno tirato dritto, non guardavano neppure di cosa trattasse ciò che porgevo loro, quasi impaurite dai soliti volantini pubblicitari o altro; beh, ho continuato a sorridere e a dire "prego" a tutti i giovani che passavano di lì vicino a me, senza mollare, con la convinzione che magari una persona fra le tante potesse rimanere colpita dal contenuto e dalle foto del pieghevole per cominciare a cambiare stile di vita... che un volantino su 200 potesse toccare nel profondo il cuore di uno studente e tirar fuori la sua naturale inconscia empatia, compassione e amore per gli animali.

Alla fine (dopo soltanto un'ora) ero stanco, perché la tensione del mio piccolo evento mi aveva fatto consumare un sacco di energie. Con la consapevolezza di aver fatto qualcosa di buono, di giusto, per provare a far cambiare opinione sugli animali ai giovani, agli studenti, a persone comunque che non mi conoscono affatto; poiché, è vero, mi sto stufando di inseguire le persone care vicino a me per far loro riflettere sulla vera natura della carne, del latte e delle uova: non cambiano idea e forse non la cambieranno mai...

Devo ammettere che avrei desiderato che qualche persona in più si fosse fermata a parlare, a chiedermi qualcosa, dubbi o altro... Ma, si sa, noi genovesi (all'inizio) siamo un po' chiusi e diffidenti!!! Sicuramente, succederà la prossima volta.

Vorrei, infine, ringraziare AgireOra per le indicazioni e suggerimenti e soprattutto per i pieghevoli davvero dettagliati, utilissimi per provare a sbloccare l'empatia che abbiamo verso gli animali e non giustificare più in nessun modo il massacro che l'uomo compie ogni giorno contro creature meravigliose e indifese.

Testimonianza di Oriana - Torino

Venerdì 8 marzo ho distribuito i "Perché vegan" nella mia università, Palazzo Nuovo. Avevo circa 500 volantini e li ho distribuiti in due ore. Ho incontrato alcune persone che mi hanno restituito il pieghevole, che non hanno voluto ascoltare o che dopo qualche passo gettavano il volantino (che io ho recuperato!), ma molte altre persone (500, appunto), il volantino l'hanno preso e tenuto.

Alcuni mi hanno fatto delle domande e sembravano ìn un certo senso "cadere dalle nuvole" perché non si aspettavano minimamente che gli allevamenti, di galline ovaiole per esempio, funzionassero in questo modo!

Ho visto stranamente interesse maggiore nei ragazzi, mi sarei aspettata una maggiore partecipazione nelle donne vista la maggiore sensibilità. E' stato bello vedere i ragazzi fermarsi nel bel mezzo dell'atrio col volantino aperto in mano e le espressioni sorprese di chi non poteva credere che io, essendo vegan, sto benissimo, faccio sport a livello agonistico da una vita e soprattutto sono felice e non sacrificata.

Nell'atrio con me c'erano altre due ragazze che volantinavano, una per pubblicizzare una libreria, l'altra per pubblicizzare una palestra. Ho visto che il loro distribuire i volantini era svogliato perché naturalmente non avevano una profonda motivazione come la mia, era solo pubblicità commerciale, e questo sono certa che la gente lo ha percepito.

Molte persone passavano davanti al loro braccio teso col volantino senza prenderlo, mentre si fermavano al mio sorridente saluto! Spero tanto di essere stata utili e di aver colpito almeno uno di quei 500 ragazzi che ho incontrato.

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

48%

Materiali per i bambini: il futuro sono loro. | Dettagli »

Obiettivo: Stampare materiali per bambini per un anno (1800 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi

"Papà, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi