Come vivono e come muoiono i maiali negli allevamenti

Condividi:

15/09/2006

Una notizia ANSA dell'8 settembre ci informa di come 330 maiali siano morti in un allevamento intensivo a causa della sospensionedell'elettricita' da parte dell'Enel. Enel cattiva che ha ucciso i maiali? No, e' chiaro che la colpa e' degli allevatori e di tutti quelli che si mangiano panini al prosciutto.

La notizia ci mette di fronte alla realta' anche quando non ci vogliamo pensare. A questo siamo arrivati: se manca la corrente per qualche ora, gli animali intrappolati negli allevamenti intensivi muoiono soffocati dal caldo e dai loro stessi escrementi. Bel posticino, eh? Magari fateci un pensierino, quando mangiate il vostro prossimo panino col prosciutto o la pancetta.

Per gli animali non e' stato un danno, comunque: al macello non sarebbero morti in modo migliore, e almeno cosi' hanno smesso prima di soffrire. E gli allevatori hanno avuto un bel danno economico, il che non guasta mai.

Ecco la notizia ANSA completa:

L'ENEL TOGLIE ENERGIA AD ALLEVAMENTO, MORTI 330 MAIALI
I titolari non avevano pagato un conguaglio.

8 settembre 2006 - Trecentotrenta maiali di un allevamento di San
Giovanni in Croce (Cremona) sono morti a causa della sospensione
dell'elettricita' da parte dell'Enel in quanto i titolari dell'azienda
agricola non avevano pagato la bolletta. Gli animali sono morti a causa
del blocco degli impianti di ventilazione e di aspirazione. Nella
stalla, infatti, la temperatura e' salita fino a 40 gradi e la
situazione e' peggiorata a causa della concentrazione dei gas prodotti
dalle deiezioni.
Emilio Gazzina, e la moglie Patrizia Rossini. 'L'Enel - raccontano
Emilio Gazzina e Patrizia Rossini, titolari dell'azienda agricola - era
solita inviare fatture da 300, 400 euro, regolarmente pagate.
All'improvviso e' arrivata una bolletta da 13.000 euro. Si trattava di
un conguaglio e noi abbiamo chiesto invano la rateizzazione. Sono
passati alcuni giorni finche' non si e' arrivati al blocco. Ci siamo
precipitati a pagare, ma la corrente non e' tornata se non dopo un
giorno. Intanto la temperatura nelle stalle e' salita oltre i 40 gradi e
gli animali sono morti''.
L'Enel spiega invece che i titolari erano stati preavvertiti che in caso
di mancato pagamento ci sarebbe stata prima la riduzione e poi
l'interruzione della corrente elettrica. Secondo l'Enel, quindi, gli
allevatori potevano intuire che lo stop era imminente e agire di
conseguenza. E comunque l'azienda doveva essere dotata di un sistema di
emergenza in caso di black out. Per quanto riguarda il ritardo nella
riattivazione dell'erogazione, invece, l'Enel precisa: 'A noi risulta
che non appena e' giunta comunicazione del pagamento della fattura, alle
15, sono state attivate le procedure interne affinche' tutto venisse
ripristinato regolarmente. Il sistema pero' e' automatizzato e funziona
dalle 7 alle 19. Se l'ordine di ridare energia giunge dopo le 19, il
sistema lo esegue solo a partire dal giorno successivo'.
(ANSA)

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

"Mamma, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

29%

Spese per l'indispensabile infrastruttura informatica | Dettagli »

Obiettivo: 365 giorni di autonomia (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi