Presidio davanti alla pellicceria Durando di Torino

Condividi:

14/11/2007

Con megafono, video e volantini a dire alla gente di smettere di indossarecadaveri.

A Torino, sabato 10 novembre, si è svolto un presidio in pieno centro, davanti a una pellicceria, con almeno 100 persone al minuto che passavano e vedevano e sentivano le ragioni della protesta.

Testimonianza di Luisa

Da quando ai presidi portiamo i filmati, parte del modo di presidiare è cambiato. Perchè? Perchè i filmati lavorano... e lavorano ben meglio delle parole.

Per un presidio antipellicce prima si megafonavano le sofferenze subite dagli animali, si doveva spiegare per bene, cercare le parole adatte perché alla parola "scuoiati vivi" qualcuno si immedesimasse e provasse la sofferenza generata del malsano acquisto.

Con i filmati non più: si invita la gente a venire a vedere gli animali allevati ed uccisi nelle maniere più orrende, a volte scuoiati vivi, per diventare... l'inutile bordo di un colletto. L'atroce sofferenza non è più da immaginare, si vede ed è innegabile.

Così è andata anche oggi, nel cuore di Torino, davanti ad una delle più "prestigiose" rivendite di cadaveri da vestiario (le chiamano pelliccerie).

Poco da dire, tanto da guardare. Molti passanti si fermavano e chiedevano (e se non chiedevano, attaccavamo discorso noi, carichi di buone argomentazioni per far meglio capire quelle immagini che li lasciavano increduli a bocca aperta). Come sempre c'è stata qualche persona che si vantava di possedere il suo trancio di morto al collo, ma devo dire che erano o ragazzini o vecchiacci irrecuperabili .

Nel nostro incessante dare voce a chi non ce l'ha, ci piace pensare che anche oggi abbiamo disperso semi di consapevolezza. Molti andranno perduti, qualcuno germoglierà. Il lavoro è lungo, lo sappiamo, ma va fatto. E lo facciamo, convinti più che mai che gli animali NON esistano per vivere in una gabbia, né per diventare il vestito di umani ignoranti e vanitosi.

Come disse Arthur Schopenhauer: "Non pietà, ma giustizia è dovuta all'animale".

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

"Mamma, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

32%

Spese per l'indispensabile infrastruttura informatica | Dettagli »

Obiettivo: 365 giorni di autonomia (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi