Per le pinne di squalo, massacro nei mari

Condividi:

10/09/2008

Milioni di squali uccisi ogni anno solo per vendere le loro pinne.

Molti giornali, anche italiani, hanno riportato la notizia di una ragazza inglese che si e' appesa a dei ganci da macellaio in un negozio londinese per protestare contro il traffico di pinne di squalo che sta portando all'estinzione questi maestosi animali. Questo evento si inserisce in una campagna promossa da Sea Sheperd in collaborazione con Lush (catena di negozi che vendono cosmetici cruelty-free).

La zuppa di pinne di squalo e' una "prelibatezza" della cucina tradizionale cinese fin dai tempi della dinastia Ming (cioe' da oltre 500 anni). Oggi, la domanda di questo ingrediente sta drammaticamente crescendo per soddisfare la voglia di esibire questo piatto ricercato da parte di schiere sempre piu' vaste di cinesi arricchiti (con una stima di crescita del 5% annuo).

Gli squali vengono issati sui pescherecci, vengono loro amputate le pinne, e poi vengono ributatti a mare. Il piu' delle volte sono ancora vivi: impossibilitati a nuotare, trovano una morte atroce andando a fondo o finendo sbranati da altri pesci. La carne di squalo ha infatti uno scarso valore commerciale che non ne giustifica il trasporto, ma le pinne invece valgono moltissimo: oltre 800 euro al kg.

Questa pesca, diffusa in tutti i mari e scarsamente monitorata e controllata, interessa tutti i tipi di squalo, senza nessuna distinzione di eta', sesso o dimensione.

Gli squali mettono al mondo molti meno piccoli rispetto ad altre specie di pesci, e sono pochi quelli che sopravvivono all'anno di eta'. Alcune specie impiegano oltre vent'anni prima di raggiungere la maturita' sessuale, e quindi possono essere uccisi prima ancora di potersi riprodurre. Questa scarso tasso di natalita' e l'enorme incremento della pesca stanno portando all'estinzione molte di queste specie: uno studio recente stima che la popolazione di un tipo di squalo nel Golfo del Messico si sia ridotta del 99% e molte altre siano in analoghe drammatiche condizioni. Questa repentina sparizione degli squali dagli oceani apre scenari inquietanti: aumenteranno le malattie tra i pesci e alcune specie cresceranno in numero spropositato mettendo a repantaglio l'equilibrio dell'ecosistema marino.

Si stima che ogni anno vengano ammazzati in questo modo tra i 38 e 100 milioni di squali. Il tutto solo lo sfizio di un piatto "ricercato" e l'esibizione di uno status symbol: la stessa cosa che portare una pelliccia, e lo stesso enorme business, spesso illegale. Ad esempio nei mari dell'America Centrale i pescatori vengono costretti a questo lavoro per una paga irrisoria (un dollaro a libbra, meno di un trecentesimo del valore) da vere e proprie organizzazioni criminali.

Ad oggi solo 17 paesi (tra cui gli USA) hanno bandito questo tipo di pesca, anche se cio' non toglie che questo lucrosissimo traffico si effettui ugualmente, magari attraverso triangolazioni con Hong Kong che e' la maggior piazza mondiale per questo commercio. I paesi dell'Unione Europea, che pure si sono dati delle blande ed inadeguate forme di regolamentazione, sono pesantemente coinvolte in questo business (in primis la Spagna ma anche l'Italia): un terzo di tutte le pinne di squalo che arrivano ad Hong Kong sono infatti trasportate da navi europee.

Una caccia estremamente crudele sta mettendo in serio pericolo la sopravvivenza di molte specie di squali, altera in modo grave l'equilibrio degli ecosistemi marini, alimenta la criminalita' organizzata per consentire a poche persone di esibire un piatto ricercato in qualche occasione mondana.

Fonti
Sharkwater: Shark Finning Facts
The High Price of Shark Fin Soup
Illegal Shark Fin Fishing

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

32%

Spese per l'indispensabile infrastruttura informatica | Dettagli »

Obiettivo: 365 giorni di autonomia (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi