I brevetti su animali per la vivisezione

Condividi:

05/01/2009

Una "galleria degli orrori" gli animali brevettati come cose e usati nella vivisezione.

Per brevetto si intende "ogni nuovo ed utile processo, macchinario, manufatto, materiale od ogni innovativo miglioramento". [...] "chiunque intenda utilizzare un prodotto brevettato deve per legge ottenerne il permesso e di norma pagare una tariffa".

Fino al 1980 l'Ufficio dei Brevetti Americano (USPTO) proibiva il brevetto di organismi viventi in quanto venivano (giustamente) considerati prodotti della natura e in quanto tali non brevettabili. Poi, a seguito di un ricorso alla Corte Suprema, vinto per 5 voti contro 4, venne riconosciuta la brevettabilita' di un batterio "mangia-olio" e quello fu l'episodio che apri' la strada alla brevettabilita' degli organismi viventi. Otto anni dopo fu la volta del famigerato "oncomouse": un topo geneticamente modificato per sviluppare il cancro. Seguirono, e continuano tuttora, delle battaglie legali dagli esiti alterni contro la brevettabilita' di animali; animali che vengono primariamente "costruiti" ad uso e consumo dei vivisettori che li utilizzano come "modelli" - assolutamente inutili - di malattie umane.

Ad oggi sono oltre 600 gli animali brevettati: ecco alcuni esempi.

  • Brevetto numero 6.580.016 (2003). Maiali in cui, attraverso iniezioni di olio e albumina nelle arterie, si inducono placche lipidiche che non si svilupperebbero in natura. Vengono usati come "modello" per studi sull'infarto e arresto cardiaco.
  • Brevetto numero 5.849.994 (1998). Macachi infettati con un virus in grado di sviluppare una forma di immunodeficienza simile all'AIDS umano.
  • Brevetto 5.679.005 (1997). Gatti, cani, primati e altre specie in cui il cuore viene manipolato chirurgicamente per simulare una grave malformazione neonatale nota come trasposizione delle grandi arterie (TGA). Questi animali sono usati in corsi di chirurgia e nella ricerca.
  • Brevetto numero 6.444.872 (2002). Beagle sottoposti a radiazioni allo scopo di distruggere il loro sistema immunitario e quindi infettati con un particolare tipo di muffa (aspergillosi). Vengono usati in test farmacologici e ricerca.
  • Brevetto numero 6.924.413 (2005). Conigli i cui occhi vengono trattati con polveri e sale per 20-60 minuti allo scopo di danneggiarne la cornea. Questi "modelli" vengono usati per il test di trattamenti della malattia di Sjogren (assenza di lacrimazione).

Questo breve e lacunoso elenco mette in evidenza come la brevettabilita' non riguardi solo le manipolazioni genetiche, che pure sono fonte di grave sofferenza per gli animali, ma vengano anche brevettate metodiche fuor di dubbio cruente ed invasive.

Contro alcuni di questi brevetti e' stato fatto ricorso e in alcuni casi, come in quello citato relativo ai conigli, si e' vinto e il brevetto e' stato revocato nel 2008. Gia' nel 2004 la AAVS - America Anti Vivisection Society era riuscita a far ritirare il brevetto che riguardava i beagle.

Perche' la brevettabilita' e' da rifiutare? In primo luogo perche' codifica una forma di violenza sugli animali e perche' li assimila a cose, a prodotti dell'uomo, e cio' e' palesemente in contrasto con la loro natura di esseri senzienti e titolari di diritti. In secondo luogo i brevetti sono una fonte di denaro per chi li detiene, che in questo caso sono in primo luogo universita' e laboratori di ricerca. Il guadagno economico derivante da questi facili brevetti si traduce inoltre in un disincentivo ad investire sui metodi alternativi.

La brevettabilita' degli animali e' una fonte di finanziamento della vivisezione e in quanto tale va rifiutata. Anche i vari Telethon, le maratone televisive, il 5 per mille alla "ricerca", i banchetti che vendono arance o quant'altro sono altrettanti canali che fanno arrivare soldi ai vivisettori e sui quali noi, individualmente, possiamo influire. Non dando loro i nostri soldi e informando gli altri di cosa si nasconde dietro questa "ricerca".

Per saperne di più di questo ultimo argomento e informare le altre persone, si consulti la pagina della campagna Per una ricerca di base senza animali.

Fonte:
Stop Animal Patents

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

42%

Doppiaggio in italiano di film stranieri | Dettagli »

Obiettivo: Doppiaggio di un film lungo o 2 video più brevi (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!