Protesta al concorso ippico di Alessandria

Condividi:

19/06/2009

Gli attivisti animalisti si sono fatti sonoramente sentire.

Testimonianza di Massimo

Il 12, 13 e 14 giugno 2009 si è svolto in Alessandria il Settimo Gran Premio Città di Alessandria San Giorgio Cavalli per attirare l'attenzione della città verso lo "sport" dell'equitazione. Il Concorso Ippico che mira a divenire internazionale nei prossimi anni si è svolto nel cuore della città in una torrida piazza Garibaldi. L'evento promosso dalla Città di Alessandria prevedeva gare di salto ostacoli, completo, dressage, ecc., con il montepremi più alto di 20.000 euro. E poi la sera spettacoli definiti di alta scuola equestre: obbedienza, dressage free-style, e numeri da circo con protagonisti i cavalli. Tre giornate piene dedicate ai cavalli nello sport, ai giri in carrozza per le vie del centro, al "battesimo della sella" per i più piccini in groppa a dei pony, alle mostre equine, ecc. Lo slogan scelto per questo evento, "Alessandria cavALca il futuro", la dice lunga su quanto in realtà Alessandria sia ancora lontana da un'ideale di cultura veramente rispettosa della dignità degli altri animali, contraddicendo quelle norme emanate dallo stesso Comune che limitano l'ingresso in città ai circhi con animali.

Con un anticipo di due settimane un gruppo di volontari si è preparato all'evento per esprimere dissenso e informare le persone che lo sfruttamento degli animali, anche nello sport, per profitto e/o divertimento, non può essere considerato patrimonio culturale di nessuna società civile. Sono stati prodotti 2000 volantini (che si sono poi rivelati essere pochi), scritti degli striscioni e inviati comunicati stampa ed e-mail di dissenso al Sindaco e per conoscenza ai giornali. Sono arrivate e-mail da tutta Italia, molte sono state pubblicate da alcuni giornali on-line locali, altri si sono limitati a pubblicare qualche lettera presa a campione elencando poi di seguito le firme di tutte le altre. Sono stati notificati in Questura due presidi, uno previsto per sabato 13 giugno sera e l'altro per domenica 14 giugno pomeriggio.

Sabato 13 giugno sera il primo presidio, in concomitanza all'"European Show", spettacolo di circo equestre. Una decina di volontari a cui poi si sono unite altre persone nel corso della serata, si sono disposte lungo uno dei due lati più lunghi della piazza e a poca distanza dalle tribune degli spettatori che davano la schiena alla strada. Abbiamo aperto gli striscioni e distribuito volantini. Nessuno è stato buttato via, molte persone ci hanno espresso la loro solidarietà e condivisione sulle ragioni della protesta. Mentre dagli altoparlanti su note epiche una voce narrava del "sodalizio" tra l'uomo e il cavallo e annunciava i vari numeri da circo, un'altra voce, la nostra, si sovrapponeva per svelare quello che non veniva detto, e cioè che far nascere animali per privarli della loro libertà, soffocarne l'istinto naturale e costringerli a compiere esercizi che non hanno alcun senso per gli animali, è violenza e che tutto questo non poteva essere spacciato per arte, né tanto meno per cultura. Una coro di "VERGOGNA" a ripetizione indirizzati agli organizzatori del Concorso Ippico e del circo equestre squarciava i momenti di silenzio.

Il giorno seguente, domenica 14 giugno, in una giornata assolatissima, la protesta si è rivolta contro il Concorso Ippico nel corso delle gare. Un'altra voce dirompente domandava di spiegare onestamente dove finivano i cavalli quando non erano più competitivi o si azzoppavano e svelava il giro di affari dietro il mondo dell'ippica, un mondo non così limpido come vuol sembrare, in cui gli animali sono solo dei "mezzi" per trarre profitto. Si invitava la Città di Alessandria e gli sponsor a destinare le loro risorse per organizzare eventi senza l'impiego di animali, perché il futuro è anche quello di rispettare gli animali.

Sono stati fotografati animali mal tenuti (come un asino legato a un palo con una corda lunga nemmeno 30 cm e senza acqua, dei pony sotto il sole cocente e senza acqua). L'apporto delle Guardie zoofile in questa circostanza sarebbe stata molto utile ma al momento le Guardie zoofile di Alessandria non risultano ancora operative. Sulla base di queste foto un'associazione presenterà un esposto per incuria.

Sono stati infine fotografati dei cartelli apposti sulla segnaletica stradale che indicavano il luogo del Concorso Ippico, in violazione del disposto dell'Art. 38 comma 8 del nuovo Codice della Strada (Decreto Legislativo N. 285 del 30/04/1992) secondo cui è vietato apporre su un segnale di qualsiasi gruppo, nonché sul retro dello stesso e sul suo sostegno, tutto ciò che non è previsto dal regolamento. Un'associazione locale presenterà un esposto anche per questo.

Infine è stato inviato un ultimo comunicato stampa a tutti i giornali per ribadire che non vogliamo più Concorsi Ippici e circhi equestri nella nostra città, tanto meno se organizzati proprio dal Comune.

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

42%

Doppiaggio in italiano di film stranieri | Dettagli »

Obiettivo: Doppiaggio di un film lungo o 2 video più brevi (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi