Ripopolamenti abusivi di cinghiali

Condividi:

30/11/2006

Ecco l'ennesima notizia di ripopolamenti abusivi di cinghiali, che conferma ancora una volta il "problema cinghiali" sia creato dai cacciatori stessi, che prima li immettono sul territorio, e poi fanno gli "eroi" che liberano gli agricoltori da questi "dannosi" animali che sono troppi. Decenni fa esistevano pochissimi cinghiali in Italia, e di una razza ben diversa da quella che attualmenet popola i boschi, e il loro incremento e' stato causato esclusivamente dai ripopolamenti a scopo venatorio.

Oggi la presenza dei cinghiali e' considerata un "problema", ma i cacciatori, ancora non contenti, continuano ad immetterne abusivamente, per divertirsi poi ad ammazzarli. Con la benedizine dei governanti locali.

Ecco l'articolo originale:

Trovati cinghiali 'modificati': e l'allarme raddoppia

L'immissione sul territorio di cinghiali provenienti da allevamenti abusivi o nati da incroci con animali di origine sconosciuta favorisce il rischio di introdurre nella provincia di Modena malattie infettive altamente contagiose. E' il parere con cui il Dipartimento di sanita' pubblica dell'Ausl ha risposto al quesito posto dalla Provincia in seguito al ritrovamento di alcuni capi di cinghiale che presentavano 'evidenti anomalie'.

Nelle settimane scorse, in seguito agli abbattimenti previsti dai piani di controllo, la Polizia provinciale ha notato infatti che alcuni animali presentavano tratti diversi dalla specie autoctona: in qualche caso avevano la cicatrice derivante dalla targhetta identificativa inserita negli allevamenti, in altri casi i tratti somatici denotavano l'incrocio con maiali anche di provenienza straniera (di razza thailandese).

'L'incrocio tra un cinghiale e un'altra razza suina di per se' non e' pericoloso - spiega Emanuela Turrini, comandante della Polizia provinciale - ma lo diventa se non conosciamo la provenienza degli animali utilizzati per gli incroci. Non dimentichiamo ad esempio che in alcune zone d'Italia sono presenti malattie contagiose della specie suina. Se gli animali immessi abusivamente sul territorio modenese dovessero provenire da zone dove ci sono malattie, si esporrebbe l'intero territorio al rischio di contagio'.

'Lungi da noi voler fare dell'allarmismo - chiarisce il presidente della Provincia, Emilio Sabattini - ma non e' tollerabile che ci siano persone che, per incrementare il gia' alto numero di cinghiali, immettono abusivamente altri animali di origine sconosciuta esponendo al rischio di contagio la nostra provincia'. Contagio che - come ha spiegato nella sua relazione il responsabile del Dipartimento Sanita' pubblica, Giorgio Nannetti - ipoteticamente potrebbe essere pericoloso non solo per i cinghiali ma per l'intero patrimonio suinicolo provinciale, creando quindi rilevanti problemi anche di natura economica.

'Dai riscontri effettuati - aggiunge Sabattini - risulta evidente che qualcuno, per interessi personali, sta giocando scorrettamente. La possibile presenza di allevamenti abusivi o l'immissione di esemplari provenienti da allevamenti di altre zone non credo pero' possa sfuggire a chi frequenta le aree popolate dai cinghiali, ed e' per questo che chiedo la collaborazione di quanti sono al corrente della situazione, per stroncare ogni traffico illecito. Noi, dal canto nostro, effettueremo controlli a tappeto per individuare i responsabili e per evitare che le carni di questi animali frutto di incroci possano finire nel circuito della ristorazione. Chiederemo la collaborazione all'autorita' giudiziaria, e nei prossimi giorni incontrero' il Prefetto per informarlo della situazione e valutare l'opportunita' di mettere il problema all'ordine del giorno del prossimo Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica'.

Fonte: Il Nuovo Giornale di Modena, novembre 2006,
http://ilnuovo.redaweb.it/seconda.php?key=16308

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

47%

Materiali per i bambini: il futuro sono loro. | Dettagli »

Obiettivo: Stampare materiali per bambini per un anno (1800 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!