Proposta di legge per un circo senza animali in Brasile

Condividi:

29/09/2009

Continua il suo iter alla Camera dei Deputati la leggei per vietare l'uso di animali nei circhi.

Nel giugno 2009 l'associazione Animal Defenders International - ADI aveva accolto con favore il voto presso la Commissione per l'Educazione e la Cultura della Camera dei Deputati brasiliana in merito alla proposta di legge che vieta l'uso di animali nei circhi.

La proposta di legge numero 7291, presentata dal membro del Congresso Antonio Carlos Biffi, era stata approvata dalla Commissione dopo un intenso dibattito con una forte presenza della lobby dei circensi e di gruppi animalisti.

L'approvazione della legge era avvenuta in seguito a un'intensa pressione condotta da ADI, all'interno della campagna "Stop alla sofferenza nei circhi". La legge proibisce l'utilizzo di animali sia domestici che selvatici negli spettacoli circensi, ma la Commissione ha cercato un compromesso permettendo un intervallo di 8 anni per l'applicazione della legge.

Nell'agosto 2009 la legge è passata all'esame della Commissione Costituzionale di Giustizia e delle Politiche Sociali della Camera dei Deputati brasiliana.

Il rappresentante Riccardo Tripoli che sostiene la legge in questa commissione, ha difeso la sua conformità con la costituzione brasiliana. Ha argomentato che i circhi sono dei luoghi crudeli per gli animali e che, in effetti, l'utilizzo degli animali è addirittura anticostituzionale. ADI è molto soddisfatta dei progressi di questa proposta di legge e sta continuando la sua campagna a Brasilia per sostenere il parere di Riccardo Tripoli.

Si spera che la Commissione Costituzionale approverà questo divieto, in modo che la legge possa passare alla Plenaria, sua ultima tappa alla Camera dei Deputati. Il divieto assoluto di uso di qualsiasi animale nei circhi avrebbe un impatto mondiale significativo per la campagna "Stop alla sofferenza nei circhi".

Questa campagna e' stata lanciata in Brasile da ADI nel 2008, in collaborazione con gruppi animalisti brasiliani e con il supporto di Surya, la società produttrice di cosmetici non testati su animali. Un'indagine sotto copertura svolta da ADI ha rivelato la terribile realtà dietro le quinte dell'industria circense brasiliana, tra cui:

- cammelli presi a pugni, colpiti con un bastone, con un paletto da tenda, inservienti che strizzavano le loro labbra per infliggere dolore;

- un elefante solitario incatenato alle zampe, quasi incapace di muoversi;

- un bambino che viene lasciato torturare un cammello;

- un cammello femmina costretto a viaggiare nonostante fosse incinta e costretta a partorire in uno spazio di fortuna sul nudo cemento;

- un orso solitario costretto a vivere in una gabbia nel retro di un camion;

- un lama a cui vengono storte le orecchie per farlo ubbidire;

- un elefante incatenato in un ambiente rumoroso e terrorizzante, in uno stadio con un rumore assordante di motori e luci abbaglianti.

Quest'anno la Bolivia ha vietato l'uso di tutti gli animali nei circhi e un dibattito analogo e' in corso al Congresso Peruviano e passera' ben presto in Parlamento in seduta plenaria.

Fonte
Animal Defenders International, Brazilian law to ban all animals in circuses continues its course in Chamber of Deputies, 25 agosto 2009

Traduzione a cura di Silvia Morabito

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

32%

Spese per l'indispensabile infrastruttura informatica | Dettagli »

Obiettivo: 365 giorni di autonomia (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi