Battaglia nella riserva delle balene

Condividi:

12/02/2010

Una battaglia di 5 ore all'ingresso della riserva delle balene tra Sea Shepeherd e i balenieri.

E' scoppiata una battaglia tra le navi di Sea Shepherd, la Bob Barker e la Steve Irwin, e la flotta baleniera giapponese quando i cacciatori hanno ignorato un avvertimento di Sea Shepherd che intimava di non rientrare nella Riserva delle Balene dell'Oceano del Sud.

La flotta giapponese era stata scortata fuori dalla riserva alle 15:30 di martedì 9 febbraio. Avevano lasciato la riserva a 60 gradi sud e 76 gradi e 36 minuti est.

La flotta ha navigato verso nord su una rotta di 310 gradi alla posizione di 57 gradi e 14 minuti sud e 69 gradi e 6 minuti est e poi sono tornati indietro di 180 gradi e si sono nuovamente diretti verso la riserva su una rotta di 230 alle 17:00 del 10 febbraio.

Alle 16:50 di giovedì 11 febbraio la flotta giapponese è rientrata nella riserva delle balene a 60 gradi sud e 62 gradi est.

Mentre la flotta giapponese stava rientrando nella riserva, la Steve Irwin ha affiancato la Nisshin Maru per dare un messaggio con gli altoparlanti in giapponese, intimando di non entrare nella riserva delle balene. La Nisshin Maru ha risposto attivando i cannoni ad acqua e i dispositivi LRAD. La Steve Irwin ha a sua volta azionato i cannoni ad acqua.


Foto: Barbara Viega / Sea Shepherd Conservation Society

La Steve Irwin ha poi cercato di far alzare l'elicottero, ma tre navi arpionatrici si sono avvicinate con i cannoni ad acqua e l'LRAD in funzione, tentando di distruggere l'elicottero sul ponte. La Bob Barker si è posizionata in modo da bloccare le navi e la Steve Irwin è stata costretta a sparare dei razzi segnalatori di fronte alle navi arpionatrici per farle allontanare.

Le sei navi, quattro baleniere e due navi conservazioniste, hanno combattuto per oltre cinque ore. Non ci sono state collisioni, anche se molte volte ci si è andati vicino. Non ci sono stati feriti.

Dalla Steve Irwin sono state lanciati sulle baleniere delle "bombe puzzolenti" di burro rancindo.

Tutte le navi si sono poi ritirate e la flotta di baleniere e anti-balenieri continua a viaggiare in direzione sud-ovest verso la Riserva delle Balene dell'Oceano del Sud.

"E' da una settimana che non viene uccisa una sola balena" ha detto il capitano Paul Watson. "Il nostro obiettivo è farle diventare due settimane e poi tre settimane. Non tollereremo la morte di una sola balena. Se tentano di uccidere una balena e trasferirla sulla Nisshin Maru ci saranno inevitabili collisioni, perché noi non ci sposteremo né cesseremo di bloccare la rampa. Questo lo posso assicurare."

Fonte:

Sea Shepherd, Five-Hour Battle At the Gateway of the Southern Ocean Whale Sanctuary, 11 febbraio 2010

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

44%

Materiali per i bambini: il futuro sono loro. | Dettagli »

Obiettivo: Stampare materiali per bambini per un anno (1800 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi

"Papà, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi