Vestiti

Di solito non ci si pensa, ma purtroppo, nelle cose "normali" che indossiamo tutti i giorni - abiti, scarpe, giubbotti, cappotti - o con cui arrediamo la nostra casa - divani, trapunte, ecc. - si nasconde una grande sofferenza per gli animali, e poi la morte - sempre cruenta e dolorosa. Ecco qui di seguito alcuni consigli pratici per evitare queste "trappole mortali" (mortali per gli animali, non per noi umani!) e vivere "senza crudeltà" questo aspetto della nostra vita.

Per approfondimenti, scarica l'opuscolo "Vestire vegan".

Scarpe, giubbotti, borse in pelle costano la vita agli animali, la produzione della lana avviene in modo cruento, e la fine che fanno gli animali usati è sempre il macello, la seta si ottiene di solito uccidendo i bachi da seta, i piumini sono ottenuti spiumando vive le oche (operazione molto dolorosa), macellate poi dopo qualche anno. Per evitare tutta questa sofferenza e morte, assolutamente ingiustificabile data anche la futilità delle motivazioni (moda, estetica), basta seguire i semplici consigli riportati alla pagina Come mi vesto? del sito VegFacile (uno dei tanti siti informativi del Network AgireOra).

Un altro problema troppo spesso trascurato è quello degli inserti in pelliccia: se evitare di comprare una pelliccia è facile, rendersi conto che il peluche che borda il collo o i polsi di un giubbotto è costato la vita (e sofferenze atroci) ad animali innocenti non lo è altrettanto. Occorre dunque evitare sempre capi di abbigliamento o oggetti decorati con pelliccia, anche quando "sembra" finta (spesso non lo è affatto). Per saperne di più su come vengono trattati gli animali "da pelliccia", è disponibile il sito "Animali da pelliccia" e il Volantino "Pelliccia = crudeltà, inciviltà".

Autunno vegan

Salvare migliaia di animali in poche ore?

Scopri come!

Iscriviti alla Mailing list

Dettagli sulla mailing list

Segui le nostre attività: