Guarire il cuore con la dieta

Fonte notizia

Argomento: Salute/Ecologia della Nutrizione

Un libretto spiega come una dieta a base vegetale possa prevenire e anche guarire stati patologici cardiovascolari.

20/07/2009

"Viviamo incastrati, soli, in decine e decine di trappole e gabbie dalle sbarre invisibili. Ogni aspetto della vita può essere una porta di accesso a questo ingarbugliato sistema".

Non e' l'incipit di un romanzo, ma un passo tratto dall'introduzione a una raccolta di articoli scientifici dal titolo "Guarire il Quore" (si', con la Q, come l'onda Q che si presenta nell'elettrocardiogramma di chi ha avuto un infarto) che il dott. Luca Vannetiello ha raccolto in un breve libro gratuito, liberamente scaricabile alla pagina Guarire il Quore.

Il libretto racconta di come una dieta a base vegetale possa non solo prevenire, ma far regredire e "guarire" stati patologici cardiovascolari in atto. Ne parla in modo semplice e diretto, rifuggendo il nodo di una medicina prigioniera di una concezione culturale altezzosa prima ancora che di evidenti vincoli di interesse. Ma parla anche di noi, delle nostre difficolta' e paure nel cambiare anche quando e' in gioco la nostra vita e la nostra salute.

Il libro in sostanza spiega e commenta due articoli scientifici (riportati nella loro versione originale in inglese) che trattano proprio di questo tema.

Il primo articolo "Risolvere l'epidemia di coronaropatia attraverso una nutrizione a base vegetale" del dott. Esselstyn, mette in evidenza la contraddizione tra la (giusta) enfasi posta sui fattori di rischio, in primis il colesterolo, e l'assenza e la vacuita' delle contromisure: cioe' le indicazioni a favore di una dieta con basso apporto di grassi animali.

Lo studio ricorda come le patologie cardiovascolari si manifestino gia' in giovane eta' e come il problema non sia questo o quel vaso danneggiato ma sia lo stato di tutto il sistema circolatorio. Anche per un profano e' ragionevole pensare che se un tubo e' ostruito (ed e' questa la causa dell'infarto) gli altri difficilmente saranno in condizioni migliori. Eppure, solo in America si investono 250 miliardi di dollari in interventi di by-pass che danno un beneficio temporaneo sulle situazioni estreme (70% di occlusione) e non si interviene nei casi di pazienti giovani, dove ben piu' forte e' il rischio che una placca di grasso, staccandosi, vada ad ostruire completamente un'arteria.

Dallo studio Framingham, si evince il dato che il 35% delle ischemie colpisce pazienti con colesterolo tra 150 e 200 mg/dl [cioe' valori ritenuti normali]; un altro importante studio, il "Cholesterol And Recurrent Event" riporta che i pazienti con storia di infarto avevano una media di colisterolemia di 209 mg/dl. Da piu' di 20 anni si sa che con un livello di colesterolo di 150 mg/dl si eviterebbero il 90% degli infarti. Un livello facilmente raggiungibile con una dieta priva di grassi animali: uova, crostacei, latte, formaggio e carne sono le principali fonti esogene di colesterolo.

Ma le linee guida nutrizionali americane (come le nostre del resto) mantengono il limite molto al di sopra della soglia dei 150 mg/dl. Le commissioni e gli istituti che le redigono sono compromessi con la politica e l'industria: se nelle loro raccomandazioni e campagne si basassero solo sui dati scientifici la situazione sarebbe ben diversa, con enormi vantaggi in termini di vite umane, di sofferenza... e di bilanci pubblici.

La parte piu' interessante di questo articolo non riguarda pero' i (noti) benefici in termini di prevenzione di una dieta con basso apporto di grassi animali, ma il fatto che i danni cardiovascolari si possono riparare, e in un arco di tempo relativamente breve (5 anni). Gli angiogrammi(immagini ai raggi X delle arterie ottenuti con un liquido di contrasto iniettato in circolo attraverso un catetere) riportati nel testo sono di una evidenza impressionante. Si puo' vedere la comparazione delle stesse arterie prima palesemente "strozzate", e poi praticamente normali.

Nel secondo articolo preso in esame nel libretto, "Can lifestyle changes reverse coronary hear disease?" del dott. Ornish e altri, si riportano analoghi risultati ottenuti solo grazie alla dieta, e anche in un tempo minore (un anno).

Il dottor Esselstyn definisce i metodi della cardiologia moderna come "palliativi", che hanno cioe' l'obiettivo di rallentare il decorso della malattia e non quello di guarire. E in effetti, nel corso dello studio di Ornish, i pazienti del gruppo di controllo registrarono un peggioramento proporzionalmente maggiore rispetto al miglioramento registrato nel gruppo sperimentale (cioe' quello che seguiva una dieta a base veegtale).

Tutto questo - e ricordiamo che stiamo parlando di miglioramenti importanti - si e' ottenuto senza ospedalizzazione e senza ricorrere a farmaci, ma solo attraverso un cambiamento dello stile di vita. Non mangiando carne e latticini e uova queste persone hanno salvato il loro cuore, oltre che tanti animali e l'ambiente.

L'articolo di Ornish pone poi il problema di quanto siano applicabili questi cambiamenti di stili di vita a una piu' ampia platea di pazienti cardiopatici (e non solo, aggiungiamo noi, questi cambiamenti fanno bene a tutti). Ma l'obiettivo dello studio era capire se fosse vero, se fosse possibile fare regredire una patologia cardiaca. E la risposta e' stata si'.

Cambiare lo stile di vita puo' sembrare difficile, e per molti "adulti vecchi" lo e'; ma cos'e' in confronto a trovarsi a 50 anni col destino segnato, imbottiti di farmaci, con l'incubo di un attacco di angina o di un altro infarto che puo' esserci fatale?

Questa sorta di rassegnazione a che "la gente non cambia" fatta propria da tanta parte della medicina (peraltro funzionale a potenti gruppi di interesse alimentari e farmaceutici) e' anche dentro di noi. Sono quelle gabbie dalle sbarre invisibili che ci imprigionano di cui si diceva all'inizio.

Innazitutto bisogna "sapere", essere informati. Che il cuore puo' guarire e che quel cibo che ci fa male e' fonte di una sofferenza infinita per gli animali e di danni gravissimi al pianeta. Poi, "per poter cambiare e' necessario non sentirsi soli. Bisogna condividere , bisogna darsi forza e sostegno a vicenda. Bisogna ridere del proprio cambiamento".

Cambiare, salvare animali e noi stessi e "ridere". E' bellissimo e possibile.

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Dettagli sulla mailing list

Segui le nostre attività: