Piu' informazione, meno consumo di carne

Condividi:

12/09/2011

Una ricerca dimostra che esiste una relazione diretta tra informazione sugli allevamenti e acquisti di carne.

Uno studio del settembre 2010 della Kansas State University (Dipartimento di Economia Agricola) riporta dei dati molto interessanti sulla correlazione tra articoli pubblicati sui giornali relativi alla sofferenza degli animali negli allevamenti e consumo di carne.

Lo studio non è svolto dal punto di vista animalista, ma dal punto di vista dei produttori di carni, quindi i risultati sono ancora più utili, perché riportano la reale situazione, non influenzata da speranze e ottimismo sull'efficacia delle campagne animaliste.

Lo studio, svolto negli Stati Uniti, ha esaminato gli articoli di giornale relativi alle condizioni degli animali negli allevamenti in un dato periodo e i consumi di carne nello stesso periodo. Quel che è emerso è che in effetti quanto più si parla delle sofferenze degli animali negli allevamenti, tanto più diminuisce il consumo di carne. Non solo, ma diminuiscono i consumi di TUTTI i tipi di carne, qualsiasi sia la specie animale di cui si parla negli articoli.

Dunque, se in un dato trimestre appare sui giornali una quantità maggiore di articoli sul tema - per esempio perché si parla delle gabbie di gestazione delle scrofe che non consentono loro alcun movimento, oppure del confinamento dei vitelli in box singoli, oppure si parla di una investigazione in un allevamento di polli "da carne", ecc. - accade che in quello stesso trimestre e nel trimestre successivo il consumo totale di carne diminuisce, a favore di un maggior consumo di alimenti non carnei.

I ricercatori sottolineano anche come non vi sia una relazione tra la specie di cui si parla nella notizia e la diminuzione degli acquisti di un dato "tipo" di carne: vale a dire, se si parla molto del problema delle gabbie di gestazione delle scrofe, non diminuisce solo il consumo di carne di maiale, ma anche di carne di pollo, e in generale i consumi NON si spostano da un tipo di carne a un altro, ma si spostano verso cibi vegetali e diminuisce il consumo totale di carne.

E' emerso anche che il tipo di carne il cui acquisto è meno influenzato dalla diffusione di informazioni sugli allevamenti è quella di manzo, mentre i consumi di carne di maiale e di pollo subiscono le maggiori variazioni in negativo quando le persone vengono informate sulle condizioni degli animali negli allevamenti, qualsiasi sia la specie animale di cui si parla.

Queste conclusioni confermano tre fatti essenziali, che erano già noti "a buonsenso", ma che fa piacere trovare confermati da una ricerca scientifica (il cui scopo è tuttavia dare strumenti agli allevatori per difendere il loro business):

- informare le persone è molto importante, perché questo influenza il loro comportamento;

- è necessario continuare a mantenere alta l'attenzione, con continue notizie, diffusione di video, di comunicati stampa, di manifesti, volantini, occorre usare tutti i mezzi di comunicazione che abbiamo a disposizione;

- è irrilevante di quale specie si parla in una data notizia, perché la notizia serve a informare sulle pratiche che avvengono negli allevamenti, e sul fatto che gli animali sono esseri senzienti in grado di soffrire: nel momento in cui una persona capisce che è così per un dato animale d'allevamento, si sensibilizza anche sugli altri, quindi il messaggio che alla fine passa è "non mangiare animali, perché sono esseri sensibili che soffrono come noi" e perciò le persone lo applicano a tutti gli animali.

Farlo capire così profondamente da far diventare vegan le persone non è così immediato, perché esiste lo scoglio del "cambio d'abitudine" che, pur essendo una questione banale, è quello che frena molti. Ma farlo capire "quanto basta" per iniziare almeno a vedere una diminuzione dei consumi - che significa vite animali salvate - a quanto sembra è invece molto più realizzabile.

Quindi, continuiamo a informare, in modo sempre più pervasivo e continuo.

Fonte:
Kansas State University, U.S. Meat Demand: The Influence of Animal Welfare Media Coverage, settembre 2010

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

42%

Doppiaggio in italiano di film stranieri | Dettagli »

Obiettivo: Doppiaggio di un film lungo o 2 video più brevi (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi

"Papà, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi