I bugiardini dei farmaci ci dicono la verità sulla vivisezione

Fonte notizia

Argomento: Vivisezione
Notizia da: NoVivisezione.org

Sul sito NoVivisezione.org abbiamo pubblicato qualche tempo fa questo articolo (che viene pero' costantemente aggiornato con le nuove segnalazioni interessanti che man mano arrivano) che racconta come dai "bugiardini" (cioe' i foglietti illustrativi) dei farmaci possiamo scoprire qualche verità in più sulla vivisezione...

15/02/2007

Com'è noto, per norma di legge, ogni farmaco, per poter essere commercializzato, deve essere provato sui volontari sani e sui malati in ospedale, ma prima di questo, è provato su animali. I risultati sia di questi test preventivi sia degli effetti riscontrati dopo la messa in commercio dei prodotti, vengono riportati nei "bugiardini", revisionati periodicamente.

Quando si legge nel bugiardino che un determinato effetto collaterale è stato riscontrato, solitamente non è riportato se esso si è verificato sugli umani o sugli animali in laboratorio. Di solito viene detto esplicitamente che un dato effetto si è avuto sugli animali quando è particolarmente grave, ad esempio gli animali si sono ammalati di cancro. In questi casi, viene comunicato l'effetto collaterale negativo, specificando però che si è riscontrato solo sugli animali e che gli umani hanno un metabolismo diverso, quindi su di loro non ci sono pericoli. Infatti, il farmaco in questi casi viene commercializzato lo stesso, perché l'approvazione alla vendita di un dato farmaco non è in alcun modo vincolata ai risultati dei test su animali.

Un altro esempio tipico di indicazioni interessanti dei bugiardini è quello delle "prove in gravidanza": per legge le cavie umane non possono essere donne incinta (giustamente!), e quindi quanto riportato sul foglietto è per forza relativo all'animale, a meno che non ci siano stati casi di somministrazione a donne incinta non effettuate appositamente. In questi casi, tipicamente viene detto "Dai test sull'animale non si sono riscontrati effetti collaterali negativi. Visto però che non esistono dati per l'essere umano, si sconsiglia l'uso di questo farmaco nella donna incinta"! E allora... che li avete fatti a fare i test su animali, se poi qualunque sia il loro risultato affermate nero su bianco che si è trattato di test inutili che non danno indicazioni per l'uomo?!

Questi foglietti illustrativi sono dunque utili per mostrare quanto il movimento antivivisezionista scientifico va ripetendo da decenni: che quanto accade sull'animale non è detto accada sull'uomo, perché un dato effetto può essere lo stesso su più specie (tra cui quella umana) oppure essere diverso, ma non lo si sa a priori! I bugiardini sono scritti dalle stesse aziende faramceutiche, che così implicitamente ammettono la fallacia del proprio metodo di test.

E' così che i bugiardini ci aiutano a capire la verità sulla vivisezione, una pratica cui nemmeno gli stessi vivisettori evidentemente credono...

Negli ultimi anni abbiamo raccolto i bugiardini più interessanti. Nell'articolo e' riportata una collezione dei più significativi. Chi ne avesse altri da segnalare, ci invii via mail la frase degna di nota, indicando il nome del farmaco e l'anno di revisione del bugiardino. Potete scrivere a info@novivisezione.org. Grazie!

L'articolo completo con la raccolta dei bugiardini e' disponibile alla pagina:
http://www.novivisezione.org/info/bugiardini.htm.

Notizia dal progetto di AgireOra Network: 'NoVivisezione.org. Novivisezione.org è il punto di riferimento in Italia per l'informazione antivivisezionista, sia dal punto di vista etico che scientifico, con articoli, notizie, materiali. [ Dettagli sul progetto 'NoVivisezione.org' ]

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

  • Scegli una delle idee per partecipare al mese vegan, da soli o in gruppo.

  • Con poche ore di impegno durante il mese, potrai salvare migliaia di animali.

Partecipa!

Iscriviti alla Mailing list

Dettagli sulla mailing list

Segui le nostre attività: