Le specie marine stanno collassando

Condividi:

07/11/2006

Il sito del Corriere della Sera pubblica un articolo, tratto da uno studio pubblicato sulla rivista americana Science, che mette in luce l'enorme danno creato agli animali marini e al loro habitat dalla pesca selvaggia degli utlimi decenni.

E' un bene che un giornale a larga diffusione parli di questo problema, ma quel che lascia con un sorriso amaro sulle labbra e' il fatto che la preoccupazione, tanto per cambiare, non sia per i pesci, animali senzienti, capaci come noi di provare emozioni e sentimenti, ma per "le nostre tavole", e' una vera calamita' che tra qualche decennio non possano essere piu' imbandite di cadaveri marini... Una vera calamita'.

L'articolo e' utile perche' riporta molti dati e informazioni, nonostante il suo punto di vista irrimediabilmente superficiale e limitato.

Il pesce fra 40 anni? Sparirà (dalla tavola) Vongole, ricci, branzini vicini all’estinzione. Le specie stanno collassando. E il Mediterraneo è il mare che sta peggio di tutti

Dal 2048 non potremo più mangiare pesce perché tutte le specie che finiscono nei nostri piatti saranno collassate, così ridotte ai minimi termini da non riuscire più a pescarle. Dovremo dire addio a ricci di mare, vongole, tonni, a una lunga serie di mitili che adornano i menù, ma anche merluzzo, nasello, spigola, branzino, orata, pesce spada: l’elenco è sterminato e include pure altri pesci come gli squali. La drammatica prospettiva di mezzo secolo si materializzerà se continueremo a trattare i mari del pianeta come stiamo facendo da almeno cinque decenni.

Dal 1950 al 2003 abbiamo perduto il 65 per cento delle specie pescate all’inizio del periodo considerato. Di quelle presenti oggi il 29 per cento è "collassato", vale a dire che è rimasto meno del dieci per cento. Il triste bilancio di aggressione alle acque è uscito da una poderosa indagine durata 4 anni che ha coinvolto migliaia di scienziati nei cinque continenti il cui lavoro è stato sintetizzato e pubblicato sulla rivista americana Science da 14 ricercatori appartenenti a università e centri americani ed europei. "Purtroppo stiamo assistendo a una accelerata riduzione della capacità di sostentamento e riproduzione della quasi totalità delle specie marine - nota Fiorenza Micheli della Hopkins Marine Station della Stanford University - e le cause sono ormai ben identificate ".

Eccole: eccesso di pesca, distruzione degli habitat lungo le coste, inquinamento con scarichi che avvelenano gli animali. Purtroppo non c’è quasi zona del pianeta sfuggita alla distruzione: il male riguarda tanto i mari californiani quanto le profondità dell’Atlantico e del Pacifico. "Intorno alla Penisola italiana le condizioni sono tra le peggiori: Adriatico, Ionio, ambienti di scoglio del Tirreno ma anche il Sud del Mediterraneo offrono dati raccapriccianti".

La pesca a strascico è uno degli interventi più dannosi perché la metà di quanto viene raccolto non serve e viene eliminato. L’annientamento di molte specie, inoltre, provoca squilibri ecologici su vaste regioni favorendo le fioriture delle alghe o la crescita abnorme, ad esempio, delle meduse. "Ma siamo ancora in tempo a intervenire" spiega la scienziata, fiorentina d’origine e californiana d’adozione da quasi vent’anni. "Lo dimostrano - precisa - gli esperimenti condotti in 48 aree protette della Terra dove nel giro di qualche anno non solo la situazione locale si è invertita masi è osservato pure il ripristino delle aree circostanti".

I rimedi sono noti quanto le cause. Prima di tutto si chiede il taglio del pescato con l’eliminazione delle reti o la scelta di pesci che abbiano ritmi di riproduzione più veloce passando, ad esempio, dalle spigole ai calamari o damolluschi come la litofaga ai pettini molto diffusi in Atlantico e altrove. Inoltre bisogna avviare iniziative di protezione dei fondali lungo le rive e soprattutto impedire l’immissione di sostanze chimiche e inquinanti. "È necessario, infine, estendere - suggerisce Fiorenza Micheli - le aree protette le quali favoriscono l’economia locale con un aumento del turismo".

Articolo di: Giovanni Caprara, 3 novembre 2006, Corriere della Sera.it - Scienze e Tecnologie

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

32%

Spese per l'indispensabile infrastruttura informatica | Dettagli »

Obiettivo: 365 giorni di autonomia (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi