Vittime della vivisezione come vittime della tortura

Fonte notizia

Argomento: Vivisezione
Notizia da: NoVivisezione.org

Un recente studio dimostra che gli effetti psicologici della sperimentazione sugli animali sono del tutto simili agli effetti della tortura.

13/08/2008

Nei giorni scorsi diversi siti stranieri [1], e anche qualche quotidiano italiano [2], hanno pubblicato la notizia di uno studio condotto sugli scimpanzé ospitati in un rifugio e precedentemente utilizzati nei laboratori di sperimentazione animale, che dimostra come questi animali soffrano degli stessi disturbi psichici e comportamentali che si riscontrano negli umani vittime di tortura.

Questa ricerca, presentata dalla studiosa Hope Ferdowsian al XII Congresso della Societa' Internazionale di Primatologia che si tiene in questi giorni ad Edimburgo, e' stata condotta su 116 scimpanze' scampati ai laboratori e che ora si trovano in un centro di riabilitazione negli Stati Uniti. Lo studio dimostra che il 95% di questi animali presenta almeno uno dei tratti comportamentali specifici (distinctive pattern) che - scientificamente - caratterizzano la sindrome che in psichiatria e' conosciuta come "post-traumatic stress disorder" PTSD (disturbo post-traumatico).

Il National Institute of Mental Healt fornisce questa definizione della PTSD [3]: "un disordine di natura ansiosa che si puo' sviluppare a seguito dell'esposizione ad un evento terrificante o ad una terribile esperienza in cui si e' verificato o e' stato minacciato un danno fisico. Gli eventi traumatici che possono causare la PTSD comprendono violenti attacchi personali, catastrofi di origine umana o naturale, incidenti, o combattimenti militari". Tra le cause bisognerebbe a questo punto aggiungere anche il trattamento "umano" di cui gli animali godono nei laboratori di vivisezione.

La dott.ssa Ferdowsian, un medico con esperienza nel trattamento dei richiedenti asilo politico in quanto scampati alla tortura, e direttore del Physicians Committee for Responsible Medicine ha dichiarato: "l'alta prevalenza dei disturbi mentali osservati in questi scimpanze' porta nuove motivazioni alla proposta di bando all'utilizzo delle grandi scimmie nei laboratori". Ma anche che: "il risultato di questa ricerca si puo' applicare a tutti i primati e quindi il bando alla sperimentazione non dovrebbe riguardare solo le 'grandi scimmie'".

I primati sui quali e' stato condotto lo studio vivono ora in un rifugio negli Stati Uniti dove vengono aiutati nel difficile percorso della riabilitazione. Fare in modo che questi, e gli altri animali torturati possano tornare a vivere a una normale vita di relazione, che possano essere liberati dalle fobie, e dalle angosce indotte in anni segregazione e trattamenti subiti nei laboratori non e' un compito facile. Richiede esperienza, pazienza e comprensione, e apre la grossa questione del come gestire gli animali scampati ai laboratori.

Non solo primati: riabilitazione degli animali attraverso il progetto "Quarta R"

Ma tutto questo vale anche per le altre specie animali sottoposte a sperimentazione: attraverso il progetto "Quarta R" [4] del Centro I-CARE, migliaia di animali in tutto il mondo sono stati salvati dai laboratori di vivisezione, e si è potuto constatare anche su di essi l'impatto psicologico e fisico che la sperimentazione subita ha avuto su di loro. [5]

Il progetto si chiama "Quarta R" con riferimento al principio delle "3R" (che stanno per Riduzione, Raffinamento, e Rimpiazzamento dell'utilizzo degli animali nella ricerca medico-biologica): la quarta R è la Riabilitazione degli animali da laboratorio.

Non si tratta di una questione teorica o in divenire, che sara' attuale quando "sara' abolita la vivisezione", ma di una esigenza concreta nell'oggi: ora, in Italia e in altri paesi nel mondo. Ogni anno sono centinaia gli animali che - legalmente - si riescono a far uscire dai laboratori. Sono topi, ratti, cavie, cani, gatti, conigli, che possono ritrovare un pezzetto di vita, dopo anni di isolamento e "utilizzo". Animali che chiedono come prima cosa di non essere piu' sottoposti a terrore e sofferenza, che hanno bisogno di affetto ma anche di un'attenzione particolare per via della loro storia passata. Sono animali che hanno bisogno di un posto dove stare, e di persone che se ne possano occupare, con amore [6].

Prima dell'adozione in famiglia gli animali hanno spesso bisogno di un periodo di riabilitazione: un coniglio cha ha sempre vissuto in una gabbia non puo' essere messo di colpo in un giardino a mangiare l'erba. Perche' lui non sa che l'erba si mangia. Lui conosce solo i pellet che il tecnico di laboratorio metteva nella vaschetta della sua gabbia. Lui non sa che puo' alzarzi sulle zampe posteriori e guardarsi attorno, perche' la gabbia in cui e' sempre vissuto era alta solo 20 cm e poteva starci solo accovacciato. E farlo improvvisamente puo' anche spezzargli la schiena. Non puo' stare sul prato al sole, perche' non puo' sapere cos'e' un prato ne' tantomeno cosa possa mai essere quella palla di luce e calore che noi chiamiamo sole: per lui esistono solo le lampade al neon dello stabulario.

Il progetto "Quarta R" e' questo: riportare alla vita questi animali, ridare loro, almeno in parte, cio' che altri, in nome di una falsa scienza e una pretesa superiorita' hanno tolto. Senza alcun diritto, o ragione, o pieta'.

Per adottare uno di questi animali, si può far riferimento, per l'Italia, al progetto Adozione animali di laboratorio di AgireOra Network.

Fonti

[1] News.Scotsman, Lab chimps show same stress symptoms as tortured humans, 3 agosto 2008
[2] La Stampa, Test su animali: le scimmie soffrono come vittime di torture, 5 agosto 2008
[3] Post-Traumatic Stress Disorder (PTSD)
[4] I-CARE, The concept of the 4th R
[5] I-CARE, The impact of facts from the rehabilitation of laboratory rabbits on reliability and evaluation of experimental data
[6] I-CARE, The success of the concept ogf the 4th R: a new era in laboratory animal care

Notizia dal progetto di AgireOra Network: 'NoVivisezione.org. Novivisezione.org è il punto di riferimento in Italia per l'informazione antivivisezionista, sia dal punto di vista etico che scientifico, con articoli, notizie, materiali. [ Dettagli sul progetto 'NoVivisezione.org' ]

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

  • Scegli una delle idee per partecipare al mese vegan, da soli o in gruppo.

  • Con poche ore di impegno durante il mese, potrai salvare migliaia di animali.

Partecipa!

Iscriviti alla Mailing list

Dettagli sulla mailing list

Segui le nostre attività: