Farmaci generici: "fanno male" alle multinazionali farmaceutiche

Fonte notizia

Argomento: Vivisezione
Notizia da: NoVivisezione.org

Volete fare del male alle industrie farmaceutiche, sì, quelle che fannovivisezione su ogni specie di animali per produrre anno dopo anno nuovifarmaci inutili? Usate i farmaci generici, anziché le loro "novità di marca"!

13/11/2006

Si legge oggi su vari quotidiani che l'Antitrust chiede al Governo una norma che imponga ai medici di prescrivere nelle ricette il farmaco generico, anziché quello - uguale identico - con nome di fantasia col marchio dell'industria farmaceutica che lo produce. A usare i generici ci guadagnano tutti: lo Stato, che risparmia sulle spese della Sanità, i malati, che risparmiano essi stessi e usano farmaci più sicuri (perché in commercio da più anni) ed evitano così di fare le cavie umane inconsapevoli e paganti, gli animali, la cui vita viene risparmiata perché usando il generico si evita di finanziare ulteriorimente le industrie farmaceutiche per la creazione di un nuovo farmaco equivalente "di marca", che per essere creato e commercializzato richiede pesanti test su animali.

Usare i generici ogni volta che è possibile è vantaggioso per tutti, infatti il Tribunale del malato approva la richiesta dell'antitrust, e così varie associazioni di consumatori. Chi non è per nulla contento sono le industrie farmaceutiche, infatti Farmindustria afferma che "il farmaco equivalente non farebbe bene alla salute delle imprese" affermando addirittura che usare il generico sarebbe un "rischio per i pazienti cronici anziani, abituati, magari da anni, ad una confezione specifica per loro riconoscibile"! Che i farmaci siano una delle maggiori cause di morte nei paesi industrializzati invece non li preoccupa affatto.

Gli altri protagonisti "scontenti" sono i medici di base, scandalizzati dal fatto che si voglia imporre loro quali farmaci prescrivere. Ma di quale "imposizione" si può mai parlare, dato che il generico è IDENTICO al farmaco di marca corrispondente, contiene lo stesso principio attivo, con la stessa concentrazione, cambia solo il nome? Forse hanno paura di non poter più godere dei favori delle industrie farmaceutiche?

Fermo restando che la cosa migliore è non usare affatto farmaci ed evitarli ogni volta che si può, per non arricchire un'industria che "usa" ogni anno centinaia di migliaia di animali nei propri laboratori di vivisezione, quando un farmaco è davvero necessario si tenga presente che la scelta migliore, per gli animali e per noi, è usare il farmaco generico corrispondente, se esiste: farete del male alla salute dell'industria farmaceutica, e quindi del bene agli animali.

Maggiori approfondimenti sull'argomento, nell'articolo Farmaci generici e antivivisezionismo.

Notizia dal progetto di AgireOra Network: 'NoVivisezione.org. Novivisezione.org è il punto di riferimento in Italia per l'informazione antivivisezionista, sia dal punto di vista etico che scientifico, con articoli, notizie, materiali. [ Dettagli sul progetto 'NoVivisezione.org' ]

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

  • Scegli una delle idee per partecipare al mese vegan, da soli o in gruppo.

  • Con poche ore di impegno durante il mese, potrai salvare migliaia di animali.

Partecipa!

Iscriviti alla Mailing list

Dettagli sulla mailing list

Segui le nostre attività: