Iniziativa nazionale "Firma per Stop sussidi ad allevatori e pescatori"

Condividi:

27/08/2008

Una iniziativa contro gli allevamenti all'interno della Settimana Vegetariana Mondiale.

Una giornata nazionale per raccogliere firme sulla petizione "Stop sussidi ad allevatori e pescatori" e per informare le persone sui danni degli allevamente intensivi e su come siamo costretti a pagare con la nostre tasse un'industria dannosa per tutti - ambiente, animali, esseri umani. L'evento si colloca all'interno della Settimana Vegetariana Mondiale promossa da vari gruppi europei per la prima settimana di ottobre, quindi le date fissate per questa giornata sono quelle del finesettimana 4-5 ottobre 2008.

Maggiori informazioni sulla settimana vegetariana mondiale: www.vegetarianweek.org

Perché partecipare

La Settimana Vegetariana Mondiale è stata indetta quest'anno nella prima settimana di ottobre e vede eventi organizzati in tutto il mondo per la diffusione di una cultura vegetariana in quanto rispettosa per l'ambiente, gli animali e la nostra salute. Il primo ottobre è la Giornata Internazionale Vegetariana, il 2 ottobre è la Giornata Mondiale per gli Animali d'allevamento, in corrispondenza al giorno di nascita di Gandhi, il 4 ottobre, giorno di San Francesco, è la Giornata Mondiale degli Animali. Una settimana dunque ricca di eventi veg-animalisti, e l'iniziativa proposta per l'Italia per partecipare a questo grande evento mondiale è perfettamente in tema, perché ha lo scopo di ostacolare la diffusione di allevamenti e macelli e di far sentire la nostra voce per gli animali, non solo quella di allevatori, pescatori e macellai.

Gli allevatori e pescatori si lamentano continuamente, fanno scioperi, proteste, spesso coinvolgendo anche gli animali, portando le mucche o i maiali in piazza.

E' bene che ci facciamo allora sentire anche noi, per dire che invece tutta l'industria degli allevamenti e della pesca vive grazie ai sussidi che l'UE e i singoli Stati forniscono, pagandoli coi soldi delle tasse dei cittadini.

Allora diciamo chiaramente che non vogliamo che i nostri soldi siano usati per sostenere un'industria che ammazza animali, devasta l'ambiente, nuoce alla salute umana, è fonte di sprechi che pesano molto sul problema della fame del mondo. Chi vuole comprare in gran quantità alimenti di origine animale - carne, pesce, latte, uova - li paghi, in toto, paghi la coltivazione dei mangimi, il trasporto, l'allevamento, e un "risarcimento danni" per l'impatto causato all'ambiente. Li paghi al supermercato coi suoi soldi, non è più ammissibile che invece paghi pochissimo questi prodotti e le spese siano sostenute coi soldi di tutti, anche di chi questi prodotti non li vuole consumare o ne consuma pochissimi.

Non serve nemmeno essere vegetariani per essere d'accordo nel firmare la petizione: a nessuno dovrebbe piacere pagare due volte per quel che consuma, una volta in negozio e una volta con le proprie tasse, anche questo bisogna far capire al pubblico, nello spiegare l'iniziativa.

Come partecipare

L'iniziativa principale è quella di organizzare un sit-in informativo con distribuzione di volantini appositi e raccolta di firme sulla petizione "Stop sussidi ad allevatori e pescatori" nelle date indicate.

Chi non riesce a organizzare un sit-in, può raccogliere firme tra conoscenti e parenti. E' anche disponibile la petizione on-line da pubblicizzare via email, alla pagina:
http://www.nutritionecology.org/it/news/petition_cap.html

Un'altra attività è quella di distribuzione in buca del volantino dell'iniziativa: sul volantino c'è una mini-petizione, chi vorrà potrà firmarla e raccogliere qualche altre firma e poi spedire il volantino. Non serve alcun permesso per questo tipo di attività, basta che ci richiediate i volantini e li distribuiate in buca delle lettere nel vostro quartiere.

Istruzioni per sit-in con volantinaggio e raccolta firme

E' importante organizzare dei sit-in informativi in piazza, anche di poche persone (5-6), piuttosto che un volantinaggio singolo. Con un sit-in potete esporre cartelloni e striscioni, potete sistemare un piccolo banchetto per la raccola firme, e distribuire volantini ai passanti. Se avete un megafono, potete spiegare al pubblico la situazione degli allevamenti, invitarli a fermarsi a firmare. Se avete un video, potete mostrare i filmati sui macelli (vedi oltre).

Si può inoltre mandare ai giornali locali un comunicato stampa, per dare maggior enfasi e diffusione all'iniziativa. Se non avete video e megafono, non importa, bastano i cartelloni! Se siete solo in due, vedrete che poi altre persone si uniranno! Trovate una bozza di comunicato stampa in fondo alla pagina.

Per un sit-in informativo va fatta la notifica in Questura, ma NON serve alcun permesso del Comune, quindi, non rivolgetevi al Comune. Occorre mandare la notifica alla Questura via fax usando il fac-simile che potete scaricare qui:
comunicazione_presidio_pac_facsimile.rtf
Dovete completarlo coi vostri dati anagrafici, il luogo, la citta', la data, l'orario e gli altri dettagli dell'evento che siano diversi da quelli del fac-simile.

In molti casi è sufficiente questo fax, in altri casi dopo l'invio del fax vi ricontatteranno loro e dovrete andare lì di persona per confermare la richiesta. Ciascuno ha la sua prassi. Il fax va inviato almeno 3 giorni prima, ma vi conviene inviarlo per tempo, almeno 15 giorni prima, in modo da essere sicuri che non ci siano problemi dell'ultimo momento e poter così pubblicizzare tranquillamente l'evento. Conviene, dopo 3-4 giorni dall'invio, telefonare per accertarsi che sia stato ricevuto e sia tutto ok.

Fate solo attenzione nel caso in cui oltre alle persone e ai cartelloni il sit-in comprenda anche un tavolino, per le petizioni o per appoggiarci un video: in molto casi, il permesso di usare il tavolino e' compreso nel "permesso" di tenere il sit-in e nessuno crea problemi, ma in qualche Comune potrebbe esserci la polizia muncipale che fa storie e che pretende il permesso di uso del suolo pubblico. Da un punto di vista logico, non ha molto senso, perche' che il suolo sia occupato da una persona con in mano i moduli delle petizioni, o da un mini-tavolino con le petizioni appoggiate, non fa differenza, ma da un punto di vista formale potrebbero crearvi problemi. Consigliamo in quasti casi di "parlamentare" coi rappresentanti della Questura di modo che i vigili non creino ostacoli al sit-in, e se questi non vogliono sentir ragioni, smontare il tavolino, raccogliere firme stando in piedi e facendo appoggiare chi firma su una cartellina rigida che tenete in mano voi, e regolarsi per le volte successive.

Città aderenti ai sit-in e recapiti

Aggiornamento al 3-10-2008

Scriveteci per darci notizie dell'organizzazione di un sit-in, indicando il vostro recapito per farvi contattare da altri attivisti nella vostra città!

Chi vuole unirsi a un evento in corso di organizzazione, contatti i recapiti sotto elencati!

Torino
Sabato 4 ottobre, ore 15.30 - 20.00, piazza Castello ang. via Garibaldi
Contatto: piemonte@agireora.org

Milano
Sabato 4 ottobre, ore 15.30 - 20.00, piazza San Babila
Contatto: Mattia - mollik74@yahoo.it

Firenze
Sabato 4 e domenica 5 ottobre, dalle 10 alle 19.30; sabato: Piazza S. Croce; domenica: Piazza della Repubblica
Contatto: Elvino - e.gasparotti@animalitalia.it

Alessandria
Sabato 4 ottobre, dalle 15 alle 22, sotto i portici di corso Roma angolo piazza Garibaldi
Contatto: alessandria@agireora.org

Roma
Sabato 4 ottobre, 16.00 - 18.30, Piazza di Porta San Giovanni (statua di san Francesco)
Contatto: Monica - monicalugini@yahoo.it

Ancona
Domenica 5 ottobre, 15.30 - 20.00, Piazza delle 13 cannelle
Contatto: Daniele - danymals@hotmail.it

Carpi (Modena)
Sabato 4 ottobre, 8.30-13.30, all'ingresso dell'IperCOOP "Il Borgogioioso" di Carpi
Contatto: Daniela - animali.info@gmail.com

Arezzo
Sabato e domenica 4 e 5 ottobre, ore 8-19.30; luogo: a metà delle grandi e nuove scale mobili che uniscono il parcheggio di S. Clemente col centro storico dove si tiene la fiera antiquaria.
Contatto: Ilaria - ilaria.isacchi@libero.it

Siena
Domenica 5 ottobre, dalle 10 alle 20, Piazza Madonna delle Nevi
Contatto: Elena - antispecistisiena@gmail.com

Materiali per partecipare

I banner della campagna

Ci sono 2 banner disponibili, uno quadrato e uno in orizzontale:

Questo è l'html da inserire nella tua pagina per riportare questo banner:

<a href="https://www.agireora.org/attivismo/no_sussidi_allevamenti.html"
target="_blank"><img
src="https://www.agireora.org/download/banner_pac_it_150x150.jpg"
border="0"></a>

Questo è l'html da inserire nella tua pagina per riportare questo banner:

<a href="https://www.agireora.org/attivismo/no_sussidi_allevamenti.html"
target="_blank"><img
src="https://www.agireora.org/download/banner_pac_it_350x60.jpg"
border="0"></a>

Locandina per l'auto e da mandare via mail

E' disponibile anche una locandina per l'auto, da usare appiccicata (dall'interno) al finestrino posteriore lato guidatore, o in ogni altro luogo CONSENTITO. Sono da evitare tassativamente le affissioni abusive su cabine del telefono, fermate del bus, muri, pali della luce e quant'altro.

Scarica la locandina A4 per l'auto dal sito di VIVO

E' disponibile anche la versione leggera in jpeg da mandare via mail: potete scaricare il file stop_sussidi_mail.jpg e inviarlo ai vostri conoscenti.

Filmati e spot audio

I filmati che consigliamo di far vedere sono quelli del dvd "Investigazione nei macelli", che mostrano immagini molto dure dei macelli europei. Non abbiate paura di mostrarle per strada: sono le uniche che funzionano, mostrando immagini soft la gente nemmeno ci fa caso. Bisogna colpire duro. Vicino al video è importante mettere un cartello con poche parole di spiegazione, bastano 3 fogli A3 con il testo che trovate qui sotto.

Scarica e stampa i cartelli da mettere accanto al video
Video "Investigazione nei macelli" sul sito di AgireOra Edizioni.

Per quanto riguarda lo spot audio, puoi scaricare lo spot di 30 secondi, in mp3, da diffondere attraverso le radio locali.

E' disponibile anche una descrizione a voce della campagna, sempre in mp3: se vuoi farla ascoltare a qualcuno, o hai la possibilità di farla trasmettere a qualche radio, scarica il file in mp3.

Petizione da far firmare

>> Scarica e stampa la petizione!
Firma on-line se non l'hai ancora fatto.

Cartelloni per il sit-in

Cartellone formato A4 da fotocopiare poi in A3, da usare ai sit-in.

Cartellone "gigante" formato 70x100 da usare ai sit-in.

Volantini

Per semplificare le cose, abbiamo deciso di rendere disponibili dei "pacchetti standard" di volantini che potete richiedere in cambio di un minimo contributo - non obbligatorio - alle spese di stampa. NON stampatevi le cose da soli, per favore: è molto scomodo, date le dimensioni del pieghevole, vi costa molto di più e il risultato non potrà venire di qualità buona come quella della tipografia!

Qui potete visualizzare il volantino in pdf, si tratta di un pieghevole a 2 ante:
Volantino "Stop sussidi ad allevatori e pescatori"

I pacchetti disponibili:

  • Pacchetto piccolo, per sola distribuzione in buca - 50-100 (diteci se 50 o 100 in base alle vostre necessità) - contributo consigliato, non obbligatorio: 5 euro, spese di spedizione comprese
  • Pacchetto medio, per distribuzione in buca più massiccia - 500 volantini (diteci se ve ne servono meno, per non sprecarli) - contributo consigliato, non obbligatorio: 8 euro, spese di spedizione comprese
  • Pacchetto grande, per sit-in - 1000-3000 volantini (diteci se 1000 o 3000 o valori intermendi in base alle vostre necessità) + 60 pieghevoli di approfondimento "Vacche grasse, bambini magri, foreste disboscate" + 60 pieghevoli "Effetto serra, cambiamenti climatici e scelte alimentari" + 60 pieghevoli "Io passo a veg", da dare ai passanti più interessati - contributo consigliato, non obbligatorio: 25 euro, spese di spedizione comprese

Scrivete a info@agireoraedizioni.org per dirci che pacchetto volete e a che indirizzo inviarlo. La richiesta va fatta almeno 2 settimane prima di quando vi serve il materiale.

I "contributi consigliati" coprono le spese di spedizione e una parte delle spese di stampa (circa la metà). Si fanno sottoforma di donazioni, quindi, chi vuole e può, può anche dare di più, chi non può, è libero di dare di meno o anche niente. Le donazioni si possono fare seguendo le istruzioni a questa pagina:
https://www.agireoraedizioni.org/donazioni.php

Comunicato stampa

Molto importante, infine, è inviare comunicati stampa alle redazioni di quotidiani, radio, tv locali della vostra provincia: in questo modo potrete far venire più gente all'evento, ma soprattutto potrete veicolare il messaggio anche a chi non passerà di lì quel giorno!

Qui sotto, una bozza di comunicato stampa, da cui prendere spunto per ricavare il vostro! Le parti segnate con XXX sono quelle da personalizzare.

[COMUNICATO STAMPA]
"STOP SUSSIDI UE AGLI ALLEVATORI"
4-5 OTTOBRE 2008, ALL'INTERNO DELLA
SETTIMANA MONDIALE VEGETARIANA,
INIZIATIVA DI RACCOLTA FIRME IN
TUTTA ITALIA SULLA PETIZIONE EUROPEA
PROMOSSA DAL CENTRO INTERNAZIONALE DI
ECOLOGIA DELLA NUTRIZIONE
29 settembre 2008

Con lo slogan "Non regalare i tuoi soldi agli allevamenti intensivi! Firma la petizione contro i sussidi all'industria dell'allevamento e della pesca pagati coi soldi delle nostre tasse!" parte l'iniziativa nazionale di AgireOra Network di raccolta firme sulla petizione "Abolizione del sostegno economico all'allevamento e alla pesca da parte dell'Unione Europea" promossa a livello europeo dal NEIC, il Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione.

L'iniziativa si colloca all'interno della Settimana Mondiale Vegetariana - la prima settimana di ottobre-, che vede eventi organizzati in tutto il mondo per la diffusione di una cultura vegetariana in quanto rispettosa per l'ambiente, gli animali e la nostra salute. "Il primo ottobre è la Giornata Internazionale Vegetariana, il 2 ottobre è la Giornata Mondiale per gli Animali d'allevamento, in corrispondenza al giorno di nascita di Gandhi, il 4 ottobre, giorno di San Francesco, è la Giornata Mondiale degli Animali. E' stato dunque deciso da alcuni gruppi vegetariani europei di nominare questa settimana la Settimana Mondiale Vegetariana", dichiarano gli organizzatori dell'evento italiano.

In Italia, verranno organizzati in varie città dei sit-in informativi sull'argomento "No sussidi agli allevatori", con la distribuzione di un volantino realizzato dal NEIC e la raccolta di firme sulla petizione.

La necessità di questa iniziativa nasce dal fatto che con i sussidi dati all'industria zootecnica e della pesca, l'Unione Europea e gli Stati Membri stanno incentivando i consumi di alimenti animali - carne, pesce, latte, uova - che vengono ormai consumati a tutti i pasti in tutte le famiglie, al contrario di quanto avveniva 50 anni fa, quando questi cibi erano di consumo molto raro.

In sostanza, i cittadini sono incentivati a comprare questi prodotti a causa del prezzo basso al dettaglio, rispetto ai costi reali di produzione, un prezzo spesso più basso anche degli alimenti vegetali, che invece, per forza di cose, hanno alle spalle una quantità di materie prime, energia, lavoro, molto inferiore. Ma in realtà il costo vero è coperto dai sussidi, pagati con le tasse di tutti i cittadini, anche di quelli che non consumano alimenti animali, o ne consumano molto pochi! Cosi' in sostanza questi alimenti si pagano due volte: al supermercato, per chi li compra, e coi soldi della tasse, per tutti. Qualunque cittadino preferirebbe pagare meno tasse e decidere lui come spendere i suoi soldi, pagando per i beni che vuole comprare, senza che decida lo Stato per lui.

Tutto questo è tanto più grave quanto più sono pesanti le conseguenze degli alti consumi di carne, pesce e altri cibi animali, sull'ambiente, sulla salute umana, sullo sviluppo dei paesi poveri. Se i governi nazionali e la Comunità Europea sostenessero e promuovessero soltanto il consumo di cibi sani e a basso impatto ambientale attraverso sussidi, ciò sarebbe del tutto lecito e positivo. Lo fanno invece con alimenti la cui produzione e consumo hanno effetti devastanti... e questo non è né accettabile né lecito, e sta a noi cittadini porre fine a questo stato di cose e spingere per una politica più lungimirante, sensata, e sostenibile in questo campo, che protegga l'ambiente e la salute umana, anziché danneggiarli come accade ora.

Affermano i rappresentanti del NEIC, il Centro Internazionale di Ecologia della Nutrizione: "Quello che intendiamo proporre è di invertire questa tendenza autodistruttiva iniziando con una petizione popolare a livello europeo che chiede di mettere fine a ogni genere di sussidio all'allevamento, alla pesca e alle coltivazioni di mangimi per animali d'allevamento."

La petizione ha lo scopo sia di portare avanti questa istanza presso il Parlamento Europeo sia di sollevare questo problema in vari ambiti, perché non viene mai posta abbastanza attenzione a quanto sia dannosa la pratica dell'allevamento e a quanto sia dunque inaccettabile contribuirvi con denaro pubblico.

E' possibile firmarla ai sit-in informativi organizzati nei prossimi giorni, oppure firmare on-line sul sito www.nutritionecology.org/it oppure, dallo stesso sito, si può scaricare il modulo cartaceo per raccogliere firme tra amici e conoscenti.

A XXX, il sit-in è organizzato in piazza XXX, il 4 ottobre dalle 16 alle 20.

Note:

- E' disponibile un dossier di approfodimento dell'iniziativa:
http://www.nutritionecology.org/download/dossier_CAP_it.pdf

- Il testo della petizione è disponibile qui:
http://www.nutritionecology.org/download/petition_it.pdf

XXX recapiti per contatti

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

42%

Doppiaggio in italiano di film stranieri | Dettagli »

Obiettivo: Doppiaggio di un film lungo o 2 video più brevi (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!