Un mare di sofferenza - investigazione negli allevamenti di salmoni

16/10/2019

Pesci calpestati, scagliati a terra, lasciati soffocare a morte, infettati da funghi che distruggono lentamente le loro carni, confinati in vasche di acqua putrida e piena di germi.

Questa è la realtà degli stabilimenti di acquacoltura, gli allevamenti di pesci sempre più diffusi in tutto il mondo: ormai la metà del pesce consumato proviene da allevamenti, con una crescita del 5,8% ogni anno. Parliamo di centinaia di milioni di pesci nei soli Stati Uniti.

Compassion Over Killing (organizzazione statunitense per i diritti animali) è entrata in uno di questi allevamenti, grazie a investigatori sotto copertura, e ha diffuso da pochi giorni un report e un video che documentano le atrocità compiute su questi animali indifesi.

Lo stabilimento alleva salmoni e si chiama Cooke Aquaculture, ma poco importa il nome o la specie allevata: questi posti sono tutti uguali. Non si tratta di singole aziende o singoli lavoratori particolarmente crudeli: non illudiamoci che il problema sia questo e che si possa risolvere applicando qualche normativa.

Tutti gli allevamenti, di qualsiasi specie animale, sono luoghi infernali e non può essere altrimenti: quando gli animali sono trattati come cose e l'unico scopo di questa industria è quello di ucciderli, cos'altro possiamo aspettarci?

I pesci sono esseri senzienti e provano dolore

Ci sono ancora tante persone convinte che i pesci non siano in grado di provare sensazioni, quasi fossero delle piante. Ma queste credenze sono ormai state smentite dalla scienza.

"La scienza è chiara in merito: i pesci hanno la capacità di soffrire e provare dolore" ha dichiarato la dottoressa Becca Franks, docente di comportamento e benessere animali alla New York University.

Nonostante questo, sono gli animali allevati e uccisi in maggior quantità nel mondo e sono i più maltrattati in assoluto, dato che noi umani non siamo in grado di sentire i loro lamenti.

Negli allevamenti, gli animali vivono in uno stato di sofferenza perenne, per le condizioni innaturali in cui sono tenuti, a cui si aggiungono i maltrattamenti da parte degli operai che li maneggiano.

Quando devono uccidere dei salmoni "difettosi", cioè inadatti alla vendita, perché malati o troppo piccoli, o deformi, gli operati li sbattono a terra o contro qualche oggetto, li calpestano, li gettano in bidoni dove vengono lasciati a soffrire e agonizzare e dove muoiono per asfissia o perché schiacciati dal peso degli altri pesci gettati sopra.

Dato il proliferare di germi nelle vasche sovraffollate, i pesci vengono vaccinati, ma questa procedura è causa di ulteriore sofferenza per gli animali, che possono morirne, o rimane danneggiati alla spina dorsale. In questo caso non ricevono alcuna cura e devono sopportare dolori molto forti.

Tutto ciò si può vedere coi propri occhi nel video dell'investigazione da poco rilasciato: è in inglese, ma le immagini parlano da sole.

Mangiare pesce non fa bene a nessuno

Tanta sofferenza inflitta a così tanti esseri senzienti... a quale scopo? Solo per il sapore dei loro corpi martoriati nel nostro piatto e perché è ancora diffusa la credenza che il pesce "faccia bene".

Invece la carne dei pesci fa male quanto la carne di qualsiasi altro animale terrestre ed è un ricettacolo di sostanze chimiche, se i pesci sono allevati, e di inquinanti ambientali se pescati in mare.

Non esistono sostanze benefiche nel pesce: le uniche che potrebbero essere tali, gli omega-3, sono presenti in quantità minore di quel che si crede e i loro benefici sono annullati dalla quantità di grassi animali e di inquinanti di cui i pesci sono saturi.

Gli omega-3 si possono ricavare a costi molto inferiori - monetari, ma anche ambientali - dai vegetali che ne sono ricchi: le noci, i semi di lino e di chia.

Difendi i pesci

Se hai smesso di mangiare carne, ma ancora mangi pesce, fai un passo nella giusta direzione ed elimina dalla tua dieta anche questi animali.

Se già non mangi i pesci, aiutaci a difenderli, facendo informazione. Abbiamo un volantino e un pieghevole sul tema: ordinane un po' di copie e diffondile!

Pieghevole: Mangia il pesce che ti fa bene? NO.
Vai al pieghevole

Volantino: I pesci provano dolore
Vai al volantino

Hai un sito o un blog? Se vuoi in pochi secondi puoi avere un box con le ultime notizie di AgireOra aggiornate in tempo reale per i tuoi visitatori. Leggi come inserire il Box Notizie sul tuo sito!

Iscriviti alla Mailing list

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy.

Segui le nostre attività:

"Mamma, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi

Vuoi sostenerci?

Il 100% della tua donazione verrà usato per gli animali.

Da oltre 20 anni AgireOra esiste solo grazie al continuo lavoro di volontari non retribuiti e delle donazioni di persone come te.

40%

Spese per l'indispensabile infrastruttura informatica | Dettagli »

Obiettivo: 365 giorni di autonomia (2500 €)

Oppure con bonifico bancario

Altri obiettivi